Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
Messaggi don Orione
thumb

La celebrazione di Papa Francesco in San Pietro. Preasenti anche Don Flavio e Don Cristiano.

Alle ore 9.30 di oggi, ricorrenza del Giovedì Santo, dopo il canto dell’Ora Media, Papa Francesco è entrato nella Basilica di San Pietro ed ha presieduto la Santa Messa Crismale, Liturgia che si celebra in questo giorno in tutte le Chiese Cattedrali.
La Messa del Crisma è stata concelebrata da molti Cardinali, Vescovi e da circa 2500 Sacerdoti, diocesani e religiosi, provenienti da tutto il mondo.
Nel corso della Celebrazione Eucaristica, i sacerdoti hanno rinnovato le Promesse fatte al momento della Sacra ordinazione; quindi sono stati benedetti l’olio dei catecumeni, l’olio degli infermi e il crisma.

Molto bella l’omelia.
Papa Francesco ha parlato della gioia, anzi, delle "gioie del Vangelo e dell’Evangelizzazione". Questa gioia sgorga quando si ha quando ha “il coraggio di farsi riempire fino all’orlo” dell’acqua viva e dell’olio della letizia che vengono dal Signore. “Le gioie del Vangelo – sono molte e diverse, a seconda di come lo Spirito vuole comunicare, sono gioie speciali e “vanno messe in otri nuovi”, come le anfore di pietra delle nozze di Cana, che Maria ordina di riempire fino all’orlo.
Il Papa ha illustrato tre "icone dell'evangelizzazione".

“Maria è l’otre nuovo della pienezza contagiosa”. E' la prima icona. “Senza la Madonna non possiamo andare avanti nel nostro sacerdozio”, ha aggiunto a braccio.  Il lieto Annuncio è un altro modo di dire “Vangelo”, come “buona novella”, o “buona notizia”. “Che nessuno cerchi di separare queste tre grazie del Vangelo: la sua verità – non negoziabile -, la sua misericordia – incondizionata con tutti i peccatori – e la sua gioia – intima e inclusiva”, è stato il monito di Francesco.

Dopo l’icona di Maria a Cana, Papa Francesco ha presentato l’icona della “brocca che – con il suo mestolo di legno – nel pieno sole del mezzogiorno, portava sulla testa la Samaritana”. Essa esprime un’altra caratteristica dell’evangelizzazione: la concretezza. Papa Francesco ha accostato all’icona della Samaritana quella di Madre Teresa di Calcutta, facendo notare che  “Gesù la chiamò e le disse: ‘Ho sete. Piccola mia, vieni, portami nei buchi dei poveri. Vieni, sii mia luce. Non posso andare da solo. Non mi conoscono, per questo non mi vogliono. Portami da loro’. E lei, cominciando da uno concreto, con il suo sorriso e il suo modo di toccare con le mani le ferite, ha portato il lieto annuncio a tutti”. Papa Francesco ha aggiunto a braccio: “Le carezze sacerdotali, ai malati, ai carcerati. Il sacerdote è l’uomo della tenerezza”.

La terza icona del lieto annuncio – ha detto Papa Francesco - è “l’otre immenso del cuore trafitto del Signore: integrità mite, umile e povera, che attira tutti a sé. Da Lui dobbiamo imparare che annunciare una grande gioia a coloro che sono molto poveri non si può fare se non in modo rispettoso e umile fino all’umiliazione. Non può essere presuntuosa l’evangelizzazione. Non può essere rigida l’integrità della verità”.

Lascia un commento
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code  Refresh Ricarica immagine

Salva il commento