Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
Messaggi don Orione
thumb

ELENCO e INDICE della rivista "Messaggi di Don Orione, dal n.100 al 150.

MESSAGGI DI DON ORIONE

Rivista di storia e spiritualità orionina.


La rivista Messaggi di Don Orione fu iniziata dal superiore generale Don Giuseppe Zambarbieri nel 1969, in forma di fascicoli monografici.  A partire dal quaderno n. 100, dell’anno 2000, la rivista assunse un carattere scientifico, storico e spirituale, come auspicato nel Capitolo generale X dei Figli della Divina Provvidenza. Furono rinnovati contenuti, forma e veste tipografica. La periodicità è rimasta quadrimestrale.

Il titolo “Messaggi di Don Orione” con il sottotitolo Rivista di storia e spiritualità indica l’effettivo contenuto della rivista. Infatti, la rivista si caratterizza per la sua indole di studio, di documentazione e di divulgazione della storia e della spiritualità orionina.

 La motivazione dei “Messaggi di Don Orione” è quella degli inizi, indicata da Don Giuseppe Zambarbieri: favorire la conoscenza di Don Orione e dei suoi “messaggi” sia da parte degli studiosi che dei discepoli religiosi e laici, con la convinzione che questo costituisce un arricchimento per la storia, la cultura e la spiritualità.

La Redazione comprende un gruppo di lavoro stabile ed altri collaboratori esterni. Il Direttore Responsabile è Flavio Peloso, FDP; il Direttore Esecutivo è Fernando Hector Fornerod, FDP; il Consiglio Editoriale è formato da collaboratori della Famiglia Orionina, FDP, PSMC, ISO e MLO. Attualmente la rivista viene stampata presso la Tipografia VELAR di Bergamo.

Gli abbonati, cioè i destinatari, sono la ricchezza morale della Rivista che è inviata gratuitamente. Come si è voluto fin dagli inizi, i “Messaggi di Don Orione” vogliono costituire un ponte di conoscenza e di amicizia non solo con i membri della Famiglia orionina (religiosi, suore e laici), ma anche con quanti sono interessati ad attingere notizie ed insegnamenti dal grande patrimonio spirituale e storico di Don Orione, sia persone che istituzioni.

 Direzione, Redazione e Amministrazione sono in Via Etruria 6, 00183 Roma. Tel. 06.7726781. E-mail: messaggi@pcn.net. Sito internet: www.scritti.donorione.org

  DFP

ELENCO E INDICE (da N.100 a 150)

 

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE    n. 100,  anno  32,  2000.

EDITORIALE La  nuova serie dei Messaggi di Don Orione        p. 3

STUDI

Il Beato  Luigi Orione e sorella Maria dell’Eremo di Campello (Michele  Busi)          p.5

Il contributo si occupa, servendosi di documenti inediti d’archivio, dei rapporti tra don Orione e sorella Maria, in un periodo di prova per la comunità dell’Eremo di Campello, sospettata di modernismo dall’autorità ecclesiastica locale.

Pasolini volle incontrare Frate Ave Maria  (Flavio Peloso)        p. 45

Quando il grande scrittore e regista stava elaborando la sceneggiatura de Il vangelo secondo Matteo andò a chiedere all’eremita cieco come «vedeva» Gesù e il vangelo.

Don Orione e la contessa Spalletti (Antonio Lanza)          p.51

La collaborazione tra la presidente del Patronato Regina Elena e il beato don Orione, iniziata in occasione del terremoto di Messina, proseguì anche negli anni successivi al terremoto di Avezzano.

Una storia che continua... I Messaggi di Don Orione     (Giovanni Marchi)   p. 59

Qualche nota per valorizzare un patrimonio di notizie, testimonianze e studi su Don Orione e la Piccola Opera. Viene proposta una rivisitazione critica dei primi cinquanta quaderni.

DOCUMENTI

Il Giubileo: Don Orione lo visse così  (Enrico  Casolari)  p.67

Don Orione visse i Giubilei dal 1925 e 1933 in modo particolarmente intenso. I suoi scritti sono incentrati sulla devozione al Papa da esprimersi in questa occasione, sui gesti di conversione, sugli esercizi spirituali propri della pratica giubilare.

Piccole Suore Missionarie della Carità sulle orme di Don Orione  (Giovanni Paolo II)     p.81

Il 15 maggio 1999, nella Sala Clementina, il Santo Padre ha ricevuto in udienza le Piccole Suore Missionarie della Carità, alla conclusione del loro IX capitolo generale.

Don Francesco Drzewiecki martire orionino a Dachau  (mons. Kazimierz Majdansski e mons. Saraiva Martins)          p.83

La testimonianza dell’arcivescovo Kazimierz Majdanscki, compagno di prigionia del martire polacco.

SEGNALAZIONI

Libri Giovanni Marchi        p. 89

Articoli Concetta Giallongo     p. 93

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE     n.101,  anno32,  2000

EDITORIALE  Don Orione è di tutti            p. 3

STUDI

Clemente Rebora, Don Orione e gli Orionini (Pierio Montini)       p.5

“Santità soltanto compie il miracolo”

Dalla documentazione conservata negli Archivi dell’Opera Don Orione e dei Rosminiani, emerge il legame profondo che, tramite Adelaide Coari, unì Don Orione e Don Clemente Rebora. Il grande poeta e santo sacerdote coltiverà questa schietta amicizia con l’Opera Don Orione anche dopo la morte del Fondatore.

Don Orione, Jacques Maritain e la Chiesa argentina negli anni ’30, ( Flavio Peloso) p. 31

Don Orione partecipò alla celebrazione del Congresso Eucaristico Internazionale di Buenos Aires, nel 1934 e, durante la sua permanenza di tre anni, fu interprete attivo del programma pastorale della Chiesa in Argentina. Tradusse in iniziative sociali e caritative il progetto di ganar la calle e diede un forte contributo di idee e di animazione ai Corsi di Cultura Cattolica.

Favorì la venuta in Argentina per un ciclo di lezioni e conferenze del filosofo Jacques Maritain con il quale entrò in rapporto di stima ed amicizia

Veritatem facientes in charitate”, sul rapporto tra carità e verità in Don Orione e Silone, ( Giovanni Casoli)            p.41

L’autore trae alcuni spunti dal rapporto fra Don Orione e Ignazio Silone, due protagonisti del Novecento, per sviluppare una riflessione sul rapporto tra verità e carità.

La regina Elena di Savoia: Dama della Divina Provvidenza?  ( Antonio Lanza)                      p.49

Dai documenti dell’Archivio Don Orione, emerge come la regina Elena, grazie all’interessamento per gli orfani a partire dal terremoto calabro-siculo del 1908, possa ritenersi una delle benefattrici della Congregazione, secondo gli ideali dell’Associazione Dame della Divina Provvidenza.

Orionino – Filius Ecclesiae, ( Marian  Klis)           p. 57

Se ogni sacerdote è chiamato a vivere nella Chiesa, per la Chiesa e ad essere della Chiesa, quello orionino, in particolare, sull’esempio del Fondatore, deve sentirsi pienamente figlio della Chiesa. Il contributo propone una riflessione su questo tema servendosi di alcuni passi tratti dalle lettere di Don Orione.

Una storia che continua . . . I Messaggi di Don Orione  II  (Giovanni Marchi)  67

Si conclude l’excursus storico-critico sui primi 99  quaderni dei «Messaggi di Don Orione».

Don Orione e la persecuzione religiosa in Spagna  ( Flavio Peloso)       p.75

Don Orione era in Argentina (1934-1937) durante la persecuzione religiosa in Spagna. Seguì, sempre molto informato, l’evolversi della bufera che gettava ombre minacciose anche Oltreoceano. Tra i martiri anche due suoi figli: Padre Ricardo Gil Barcelón e l’aspirante Antonio Arrué Peiró. Progettò iniziative di ricostruzione civile e morale. Nel 1939 propose la istituzione di una festa per celebrare la fede e il martirio della Spagna cattolica. Per la prima volta viene documentato questo capitolo di vita di Don Orione.

SEGNALAZIONI

La Divina Provvidenza

Giovanni D’Ercole                 p. 87

Centenario della nascita di Silone

Antonio Piacentini                  p.92

Libri  Giovanni Marchi        p.95

Articoli  Concetta Giallongo     p.99

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE   n.102,   anno 32,   2000

EDITORIALE  Le vie della santità    p. 3

STUDI

Giovanni Scoccia “Un fiore di chierico”(Francesco Prosia e Giovanni Venturelli)        p.5.

Un altro fiore di santità cresciuto nel clima fervoroso degli inizi della congregazione. Il giovne chierico, morto a 20 anni, ha lasciato una viva testimonianza della spiritualità orionina e un prezioso “diario” di ricordi e insegnamenti di Don Orione.

Don Orione, Vice-Postulatore della causa di beatificazione di Pio IX (Antonio Lanza)  p.29

La grande stima e devozione di Don Orione verso Pio IX poté esprimersi anche in un prezioso servizio come Vice-Postulatore della sua causa di beatificazione. Fu Mons. Antonio Cani, nel 1927, a volerlo suo collaboratore. Poi la causa fu temporaneamente sospesa.

Giovanni XXIII e Don Orione. Cronaca di un’amicizia ( Flavio Peloso) p.43

Notizie di un’amicizia nata quando il giovane Monsignor Roncalli andò a incontrare Don Orione all’Istituto San Filippo di Roma e lo trovò mentre giocava con i ragazzi. I tanti gesti paterni del “Papa buono” verso i figli spirituali di colui che “era convinto che si potesse conquistare il mondo con l’amore”.

Giovanni Paolo I nel ricordo di Don Diego Lorenzi  ( Diego Lorenzi)   p.57

Il Segretario particolare, orionino, consegna in un memoriale la sua esperienza accanto ad Albino Luciani, prima patriarca di Venezia e poi Papa per 33 giorni. Ne esce un ritratto del “Papa del sorriso”, colto nel vivo della quotidianità e dei fatti accaduti, affascinante e imprescindibile per chi voglia conoscere e imparare la lezione di quest’uomo.

 Don Orione e i laici santi nella città di Torino a inizio Novecento Si non ardes non incendes!  (Concetta Giallongo)      p.77

Nella capitale piemontese, Don Orione ebbe contatti e progetti con laici santi. Conobbe le sorelle Teresa e Giuseppina Comoglio, le sorelle Fogliano, Agostino Balma, il venerabile Pio Perazzo, e molti altri. Fu convinto sostenitore dell’Opera dell’Adorazione quotidiana universale. A Torino nacque il progetto delle “Dame della Divina Provvidenza” (1899), prima associazione laicale orionina, e degli Eremiti adoratori (1900).

SEGNALAZIONI

Libri  Giovanni Marchi        p.91

Articoli  Concetta Giallongo     p.95

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE      n. 103,   anno 33,   2001

EDITORIALE            Azioni e relazioni      p. 3

STUDI

 Instaurare Omnia in Christo (Ef 1,10) Note esegetiche sul motto paolino e orionino (Achille Morabito)            p.5

Cosa intendeva San Paolo con questa espressione? Quale lettura spirituale e apostolica ne fece Don Orione? L’Autore offre preziosi elementi di interpretazione dell’espressione che Don Orione scelse come rappresentativa del suo progetto carismatico.

Per le vocazioni dei figli d’Africa in Brasile – I. Don Orione: Iniziative e pensieri  ( Antonio Lanza)             p.29

II. Le vocazioni afro-discendenti nella Chiesa brasiliana oggi  (Antonio Aparecido da Silva) p.73

 Negli anni ’20 Don Orione fece un viaggio missionario in Brasile, prendendo a cuore la situazione della popolazione di origine africana ancora discriminata. Volle promuovere le vocazioni sacerdotali e religiose dei “figli d’Africa”, ma i tempi non erano allora maturi. Negli anni successivi la Congregazione orionina fu tra le prime ad accogliere nelle sue file gli afro-brasiliani. Un contributo storico e uno di attualità pastorale presentano questa pagina di storia ecclesiale in Brasile.

 Filiberto Guala: dalla TV alla Trappa,    (Ignazio Terzi)              p.49

Fu direttore generale della nascente televisione italiana (RAI) ed ebbe incarichi di alto livello nella pubblica amministrazione. Cattolico militante, sorprese tutti quando lasciò la brillante carriera per farsi monaco trappista. Conobbe Don Orione quando era giovane ingegnere e ne restò conquistato. Continuò poi l’amicizia e la collaborazione con vari orionini. Ne parla in una sua recente intervista.

Silone: “Un Natale indimenticabile (Maffino Redi Maghenzani) p.49

Un inedito episodio della vita di Ignazio Silone trasformato in pièce teatrale da Maffino Redi Maghenzani. Un omaggio al grande scrittore italiano nel centenario della nascita.

La reliquia del cuore di Don Orione    ( Flavio Peloso)    p.73

Storia e significato della reliquia del cuore di Don Orione, dall’agosto 2000 in venerazione a Claypole (Argentina). Il Dott. Ezio Fulcheri ne descrive lo stato di conservazione. Vittoria Addari Petrucci gli dedica una poesia.

Abbiate il coraggio del bene!  (Giuseppe Dalla Torre)      p. 81               

L’Autore, attento lettore e protagonista della cultura cattolica, coglie alcune risonanze di attualità della famosa esortazione di Don Orione ai laici.

SEGNALAZIONI

Libri  Giovanni Marchi        p.93

Articoli  Concetta Giallongo     p. 95

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE   n. 104,   anno33,   2001

EDITORIALE   Il carisma orionino al femminile     p. 3

STUDI

“Come stracci”. L’obbedienza sacrificale nella spiritualità di Don Orione  (Maria Alicia Kedziora)            p.5

La spiritualità marcatamente apostolica e profondamente mistica di Don Orione ha un suo punto di unificazione interiore nell’obbedienza sacrificale. Don Orione per esprimersi usava spesso l’immagine “come stracci”. L’Autrice studia i fondamenti cristologici e i valori ascetici indicati dal Fondatore

NOTE  E  COMMENTI

Don Orione presenta le Piccole Suore Missionarie della Carità  (Giuseppe Masiero)  p.25

Notizie e insegnamenti di Don Orione circa le Piccole Suore Missionarie della Carità. Abnegazione, sacrificio, umile e santa intraprendenza nella carità hanno caratterizzato i poveri inizi del 1915 e i rapidi sviluppi successivi, ammirati ed additati ad esempio dal Fondatore.

La Serva di Dio Maria Benedetta Frey, la suora dello ‘straccio’  (Maria Priscila Oliveira)    p.35

La monaca cistercense di Viterbo, ebbe doni mistici e fama di santità. Don Orione ricordò spesso l’incontro con questa suora ridotta “come uno straccio” dalla malattia. Conservò con devozione una reliquia lasciatagli dalla serva di Dio, il Girandolone

DOCUMENTI

Scritti della Serva di Dio suor Maria Plautilla (Maria Irene Bizzotto)    p.45

Una incarnazione del carisma orionino”, “una  parabola della spiritualità dello straccio”: sono alcune definizioni di questa umile ed eroica suora orionina, vissuta in un Piccolo Cottolengo e morta a 34 anni. Alcune pagine dei pochi scritti di lei conservati aiutano a comprendere la sua personalità.

La Famiglia orionina durante l’occupazione nazista in Polonia  (Maria Gabriela Stachurska)     p.71

Suor Maria Gabriela Stachurska, protagonista dei tragici ed eroici tempi dell’occupazione nazista in Polonia (1939-1945), racconta del beato Don Francesco Drzewiecki, della brutale liquidazione del Piccolo Cottolengo di Wloclawek con l’uccisione delle 70 ospiti, dei faticosi avvii delle Piccole Suore Missionarie della Carità con l’aiuto di Don Biagio Marabotto.

La vita non è mai una disgrazia  (José Saraiva Martins)          p. 81

Il Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi evidenzia il valore evangelizzatore e civilizzatore del Piccolo Cottolengo come concepito da Don Orione

SEGNALAZIONI

Libri  Giovanni Marchi        p. 85

Articoli  Concetta Giallongo     p. 87

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE   n. 105,   anno  33,   2001

EDITORIALE  Le molteplici vie della misericordia           p. 3

STUDI

La misericordia in Don Orione  (Adolfo Armando Uriona)          p.5

La misericordia fu la ragione del fascino e del trionfo di Gesù Cristo. Lo fu anche di Don Orione. Lo studio ne ricostruisce il dinamismo spirituale: la misericordia donata da Dio, custodita in un cuore umile, genera la passione e l’azione per il prossimo.

La lezione è resa semplice e amabile alla scuola di Gesù e di un modello insigne e coinvolgente come Don Orione che “si è sempre e solo lasciato guidare dalla logica serrata dell’amore” (Giovanni Paolo II).

NOTE  E  COMMENTI

 Buon samaritano dei sacerdoti in difficoltà  (Vincenzo Alesiani)           p.37

L’attività discreta e preziosa di Don Orione in favore dei sacerdoti lapsi. Negli anni ’30 destinò una casa per la loro accoglienza e sostegno. Le sue lettere rivelano come parlava loro e come parlava di loro. Indicazioni e scelte che hanno l’attualità della carità.

La carità nascosta di Mons. Montini  ( Flavio Peloso)     p.65

Un carteggio inedito degli anni ’30 tra Mons. Montini (Paolo VI) e Don Orione, rivela la loro collaborazione in favore dei sacerdoti lapsi.

DOCUMENTI

Altro che la lanterna di Genova!  (Card. Giuseppe Siri)     p.75

Don Orione assicurò che il Piccolo Cottolengo sarebbe diventato un faro di fede e di civiltà più luminoso della famosa lanterna sullo scoglio di Genova. Di fatto, fu lui ad accendere quella luce e ad illuminare di carità e di Dio l’intera Città che vibrava con lui. Tre testimoni di tempi diversi ci offrono scintille della sua umanità e della sua santità: il Card. Giuseppe Siri, il Card. Dionigi Tettamanzi e Don Gianni Baget Bozzo.

 La misericordia del Padre, dinamica e meta dell’ecumenismo (Card. Walter Kasper)          p.87

Levarsi e andare al Padre” ed “ essere misericordiosi come è misericordioso il Padre che è nei cieli” sono l’anima di un ecumenismo non ripiegato su se stesso. Riportiamo l’omelia del Cardinale Walter Kasper durante la Messa di presa di possesso della parrocchia di Ognissanti.

SEGNALAZIONI

Libri  Giovanni Marchi        p. 93

Articoli  Concetta Giallongo     p. 95

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE   n. 106,  anno 33,   2001

EDITORIALE   Incontrare Don Orione        p. 3

STUDI

Il Beato Luigi Orione e Papa Benedetto XV  (Antonio Lanza)      p.5

Morto 80 anni fa, Benedetto XV è il Papa meno noto del XX secolo. Don Orione ebbe con lui rapporti stretti e cordiali. Il Papa lo stimava, gli aperse le porte per nuove istituzioni e gli donò un suo calice in occasione del XXV di sacerdozio.

Un grande scultore del Novecento: Arrigo Minerbi   (Giovanni Marchi)           p.33

La testimonianza di un grande artista che, pur non avendo conosciuto direttamente Don Orione, ne rimase conquistato dalla grande personalità lasciandone il ricordo in una delle sue più significative creazioni.

Don Giuseppe Pollarolo: un prete di frontiera   (Concetta Giallongo)            p.57                            

Nato per stare sulla frontiera, ha segnato la storia di Torino durante la guerra (1940-1945) e dei decenni successivi. Fu pioniere della pastorale operaia della Fiat e nelle fabbriche di Torino, fu con i partigiani sui monti della resistenza “con il breviario alla cintola e mai con il fucile”, aperse le Case del Giovane Operaio per lenire i disagi dell’immigrazione, artista del pennello e della cinepresa. Fu sempre  e integralmente sacerdote, impegnato sulla frontiera di Dio e delle anime.

NOTE  E  COMMENTI

Ignazio Silone: lettere a Don Orione   (Liliana Biondi)    p.79

Nelle lettere giovanili a Don Orione, si ritrovano i sentieri interrotti dell’umanità e della religiosità di Silone. Appunti di lettura e conversazioni spirituali.

DOCUMENTI

Pietro, l’amore per Cristo fonda la Chiesa  (Card. Giacomo Biffi)         p.89

«Tu sei Pietro: il mistero del primo tra gli apostoli»: questo il titolo dell’ultimo incontro dedicato al magistero petrino nel ciclo di conferenze « A fondamento della Chiesa» organizzate dagli Orionini di Bologna. «In quell’amore, Pietro non ebbe mai tentennamenti, perché sapeva che in nessun altro c’è salvezza».

SEGNALAZIONI

Libri   Giovanni Marchi        p.93

Articoli   Concetta Giallongo     p. 95

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 107,   anno 34,  2002

EDITORIALE   Per evangelizzare cultura e società                        p. 3

STUDI

Centralismo romano e Universalismo nella missione del Papato La prospettiva di Don Orione: spunti, consonanze e accordi storici   (Annibale Zambarbieri)             p.5

Con sicurezza di riferimenti storici, lo studio traccia le linee di un tema caro e fondamentale del sentire e dell’agire di Don Orione. Visione teologica, conoscenza della storia e passione apostolica concorrono a porre Don Orione nel crocevia di una tensione dal cui esito dipende tanto la vitalità della Chiesa che il progresso dei popoli.

Don Orione e la Conciliazione del 1929   (Flavio Peloso)             p. .27

Che Don Orione fosse un prete santo – “una meravigliosa e geniale espressione della carità cristiana, una delle personalità più eminenti di questo secolo”  (Giovanni Paolo II) – era risaputo quand’era vivo e gli è stato poi riconosciuto pubblicamente con la beatificazione. Ma a pochi è nota la sua visione e azione sociale ampia, la sua capacità di tessere rapporti e progetti a tutto campo affinché la Chiesa potesse svolgere più efficacemente la sua missione.

Don Orione e Giovanbattista Paganuzzi   (Moreno Cattelan)               p.47

Orione, chierico di 22 anni, parlò alla riunione dell’Opera dei Congressi davanti al suo presidente, Paganuzzi. Quell’uomo e i suoi ideali, che animarono il movimento cattolico di fine ‘800, lasciarono un’impronta sul “santo della Chiesa e della salute sociale”. Don Orione gli fu vicino nel momento della morte.

 Don Orione e il Maestro Lorenzo Perosi   (Antonio Lanza)                    p.59

Concittadini, coetanei e compagni di seminario, partirono da Tortona e percossero strade di vita diverse, arricchendo la Chiesa con la bellezza musicale.

NOTE  E  COMMENTI

Da Mons. Giuseppe Gentili a Don Luigi Orione: un filo d’oro per la Gioventù di Fano,   (Giuseppe Umberto Maria Lo Bianco )             p. 83

Una pagina di storia della carità tessuta da due protagonisti della scena sociale ed ecclesiale del ‘900. Una tradizione che ha saputo rinnovarsi.

Don Umberto Terenzi e il suo “Profeta”, il Beato Don Orione   ( Omar Giorgio Dal Pos )   p.91

Il Servo di Dio, Don Umberto Terenzi (1900-1974), fondatore dell’Opera della Madonna del Divino Amore, è stato del Beato Don Orione un figlio spirituale affezionato e convinto. Per dimostrarlo basta riportare fedelmente dai suoi diari (d) e dalle sue meditazione (m) alcune citazioni nelle quali emerge in modo evidente lo spirito profetico del Beato. Esse non saranno riportate in ordine cronologico, ma piuttosto in quello narrativo.

SEGNALAZIONI

Convegno Volontari di Don Orione Roma, 9-11 novembre 2001 (Giovanni Marchi),                p.97

Libri   Giovanni Marchi        p. 97

Articoli   Concetta Giallongo     p. 103

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE   n. 108,   anno 34,   2002

EDITORIALE  Divina Provvidenza              p. 3

STUDI

Il problema del male e la Divina Provvidenza (Paolo Clerici )   p. 5

Il problema del male ha percorso tutta la storia del pensiero umano con diversi esiti filosofici e spirituali. L’autore richiama alcuni passaggi significativi della riflessione sul rapporto male dell’uomo e bontà di Dio.

NOTA

La c’è la Provvidenza”  (Domenico Sparpaglione)                      p. 45

Don Sparpaglione ricorda come nacque la conferenza di Don Orione tenuta all’Università Cattolica di Milano il 22.1.1939 e fa un bilancio critico sulla discussione a riguardo del tema della Provvidenza nel Manzoni.

 

DOCUMENTI

La Divina Provvidenza nel Catechismo della Chiesa Cattolica      p. 55

Qual è la comprensione e l’esperienza della Divina Provvidenza maturata nella tradizione cristiana? Il Catechismo della Chiesa Cattolica ne fa una presentazione fondamentale e chiara.

L’incontro di Gina Tincani con Don Orione sulle macerie del terremoto di Messina ( Cesarina Broggi)            p.63

Nel corso della sua attività come Vicario Generale della diocesi di Messina, Don Orione venne a contatto con la famiglia Tincani, di cui ebbe come valide collaboratrici le figlie Gina e Bice. L’articolo ricostruisce la vicenda; in appendice, tre lettere e una testimonianza di Madre Tincani.

Padre Pio da Pietrelcina. La gloria dopo la tormenta.    P. 85

SEGNALAZIONI

Convegno “Don Orione e il Novecento”               

Giovanni Marchi        p. 89

Libri  Giovanni Marchi        p. 93

Articoli  Concetta Giallongo     p.95

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE   n. 109,   anno  34,   2002

EDITORIALE  Comunicare il Vangelo        p. 3

STUDI

«Ebbe la tempra ed il cuore dell’apostolo Paolo »   ( Vincenzo Alesiani )          p.5

L’espressione che dà il titolo allo studio fu detta da Giovanni Paolo II nel giorno della beatificazione di Don Orione. Tutti la sentirono profondamente reale e illuminante.  L’autore dell’articolo, attraverso una ricerca biografica e lessicale, documenta come essa sia fondata sulla verità dei fatti e delle parole tanto dell’Apostolo delle genti che dell’Apostolo della carità.

Don Carlo Gnocchi sulla scia di Don Orione  (Concetta Giallongo)       p. 45

Nel 1942 scrisse a Don Sterpi: “Raccomandatemi a Don Orione e ottenetemi la grazia di diventare un giorno uno dei suoi figli”. Tornato dal fronte della II guerra mondiale, Don Gnocchi si dedicò agli orfani e divenne il “padre dei mutilatini”. Fu fondamentale la iniziale ispirazione e collaborazione con la congregazione orionina prima del decollo delle sue istituzioni.

I sacramenti in articulo mortis ad Alessandro Fortis ( Flavio Peloso )             p.77

Don Orione, vestito da infermiere, diede i sacramenti all’On. Alessandro Fortis, già Primo Ministro del governo italiano e notoriamente appartenente alla massoneria. L’Archivio Don Orione restituisce testimonianze che permettono di ricostruire una mirabile vicenda umana e spirituale.

NOTA

Don Orione negli anni del modernismo (Giovanni Sale, Alberto Cova, Giuseppe Tuninetti) p. 89

La pubblicazione del libro di Michele Busi, Roberto De Mattei, Antonio Lanza e Flavio Peloso, Don Orione negli anni del modernismo [Ed. Jaca Book, Milano 2002, p.376] è stato senza dubbio un importante evento culturale riguardante la conoscenza di Don Orione e delle vicende che hanno coinvolto numerosi protagonisti del periodo modernistico in Italia. Note di lettura di Giovanni Sale, Alberto Cova e Giuseppe Tuninetti

SEGNALAZIONI

Libri  Giovanni Marchi        p.101

Articoli   Concetta Giallongo     p.103

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE   n. 110   anno  35   2003

EDITORIALE   Centenario della Piccola Opera della Divina Provvidenza         p. 3

STUDI

L’approvazione canonica della Congregazione nel 1903 ( Antonio Lanza)        p.5

La sequenza storica della nascita e dello sviluppo della Piccola Opera della Divina Provvidenza fino al suo riconoscimento giuridico. Ideali, difficoltà, protagonisti, eventi umani di vicende nelle quali Don Orione riconosceva “il dito di Dio”.

Alcune questioni sulle origini della Piccola Opera della Divina Provvidenza, ( Flavio Peloso)   p.39

L’articolo affronta alcune questioni storiche legate agli inizi della fondazione, quali la scelta del nome, la concezione organizzativa, la finalità ecumenica, il rapporto fine-opere nella spiritualità e nell’apostolato.

Il Vescovo Egisto Melchiori ricorda i 50 anni della Congregazione            p.63

Due documenti del vescovo di Tortona che, nel 1953, a cinquant’anni dall’approvazione canonica della Piccola Opera della Divina Provvidenza, fissano ricordi e traggono insegnamenti dall’importante evento.

Armida Barelli incontra Don Orione  (Giuseppe Umberto M. Lo Bianco)          p. 69

La protagonista della Gioventù Femminile di Azione Cattolica e dell’Università Cattolica Sacro Cuore di Milano incontrò Don Orione e non lo dimenticò più. La sintonia e la devozione di due anime privilegiate nello spirito e attivissime nell’impegno sociale testimoniate in un carteggio inedito.

Il fiore del deserto (Giovanni Marchi)         p.87

Fiore del deserto è il nome dato a una casa di accoglienza per donne in difficoltà aperta da  un’associazione laicale orionina. L’Autore ne prende spunto per una escursione nella poesia di Alessandro Manzoni.

SEGNALAZIONI

Libri   Giovanni Marchi

Articoli   Concetta Giallongo

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE   n. 111,   anno 35,   2003

EDITORIALE   La solidarietà sacerdotale               3

STUDI

Le virtù sacerdotali di Don Orione  (Luigi  Fiordaliso)          p.5

Quali virtù in particolare emergono nella vita di Don Orione? Come egli fu sacerdote? Come egli percepiva e come lo percepivano gli altri? Alcune linee di vita sacerdotale valide e stimolanti.

Don Orione a fianco dei Papi  (Card. José Saraiva Martins)        p.19

Don Orione che “fu tutto e sempre della Chiesa e del Papa” visse e trasmise una forte concentrazione papale nella sua spiritualità e nel suo apostolato. La Provvidenza volle che le circostanze lo portassero a contatto personale con i Papi che si sono succeduti sul soglio pontificio durante il XX secolo.

 Il Servo di Dio Massimo Rinaldi, “amico fidato” di Don Orione  (Giovanni Maceroni)    p.29

Viene ricostruita l’amicizia tra il beato Luigi Orione e il servo di Dio Massimo Rinaldi, missionario in Brasile, procuratore degli Scalabriniani e infine vescovo di Rieti.

Gli inediti perosiani dell’archivio Don Orione (Arturo Sacchetti)          p.47

L’Archivio Don Orione di Roma mette in luce un prezioso corpus di manoscritti musicali autografi del grande maestro Lorenzo Perosi. Il ritrovamento dei numerosi inediti del celebre compositore, concittadino, coetaneo e amico del beato Luigi Orione, porta un’importante contributo alla conoscenza e alla valutazione storico-critica di Lorenzo Perosi.

DOCUMENTI

Apologia. La Chiesa Cattolica e romana incoronata dalle glorie del suo sacerdozio. p. 57   

Si tratta di uno scritto giovanile di Luigi Orione di notevole interesse. Nato in un contesto celebrativo e di cimento scolastico, è pieno di erudizione e di sentimento. Fu composto da Orione, chierico diciannovenne, per il 25° di sacerdozio del suo parroco di Pontecurone.

Mons. Ramon Bogarin Argaña ricorda Don Orione   p.69

Mons. Ramón Bogarin Argaña fu arcivescovo di S. Juan Bautista de las Misiones in Paraguay. Introdusse gli Orionini nella sua diocesi.  Riportiamo una testimonianza su Don Orione, da lui conosciuto nel 1939, sorprendente nei contenuti e appassionata nello stile.

Messaggio di Giovanni Palo II per il centenario della piccola Opera,  p..91
Al Reverendissimo Signore Don Roberto Simionato Direttore Generale della Piccola Opera della Divina Provvidenza.

NECROLOGIO

Don Vincenzo Raffa   (Manlio Sodi)           p.95

Professore dell’Istituto Teologico “Don Orione”. Protagonista della riforma liturgica del Vaticano II. Una vita interamente dedicata alla ricerca e all’insegnamento.

SEGNALAZIONI

Libri   Giovanni  Marchi

Articoli   Concetta Giallongo

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE   n. 112   anno 35   2003

EDITORIALE   A scuola di santità    p. 3

STUDI

Don Luigi Guanella e Don Luigi Orione: amici tra loro, padri per gli altri (Flavio Peloso)  p.5

Don Luigi Guanella e Don Luigi Orione: amici tra loro, padri per gli altri (Flavio Peloso) p. 5
Nel 1903, il passaggio della Colonia agricola di San Giuseppe al Trionfale di Roma dalla congregazione di Don Orione a quella di Don Guanella diede occasione ai due santi fondatori di conoscersi e stimarsi. Nacque un’amicizia solida, benefica, che lasciò profonde tracce spirituali e apostoliche.
Leone XIII, il Papa  (Antonio Lanza) p.35
Nel 1903 terminava il lungo pontificato di Leone XIII. Il magistero e le linee pastorali di questo Papa e un provvidenziale incontro personale hanno segnato profondamente la formazione giovanile di Don Orione e i primi inizi della sua Congregazione.
Gli inizi della Congregazione in Cile (Gustavo Adrian Valencia Aguilera) p. 53
Don Orione raggiunse il Cile oltrepassando le Ande in aereo. In quella breve visita, nel febbraio 1936, lanciò un progetto di bene che oggi compie 60 anni di vita.
Orionini in aiuto agli Ebrei negli anni dello sterminio (Giovanni Marchi - Flavio Peloso) p.75
L’Opera Don Orione, durante la seconda guerra mondiale, si trovò a far fronte a un’inedita emergenza nel fare il bene sempre e a tutti: l’aiuto agli Ebrei negli anni dello sterminio.

DOCUMENTI
Il miracolo di Don Orione p. 107
Il Decreto

SEGNALAZIONI
Libri  Giovanni Marchi p. 109
Articoli  Concetta Giallongo p. 111

 

Messaggi di Don Orione   n. 113,  anno 36,  2004

EDITORIALE   Dalla canonizzazione di Don Orione un nuovo stimolo di studio  p. 3

STUDI

Luigi Orione e Annibale Di Francia: uniti dal terremoto e dalla santità (Flavio Peloso)  p. 5

Ricostruzione storica dell’amicizia dei due santi canonizzati il 16 maggio. Superando pregiudizi e condizionamenti ambientali, il prete piemontese e quello siciliano contribuirono efficacemente all’unità morale dell’Italia civile ed ecclesiastica del primo Novecento.

Don Orione e la carità dell’educazione (Card, Tarcisio Bertone) p. 39

Dalla scuola di Don Bosco, Don Orione imparò l’importanza, da parte dell’educatore, di essere come un padre per i propri ragazzi. Si tratta di una ‘paternità del cuore’ che troverà realizzazione in quel metodo educativo che il Fondatore chiamerà “sistema cristiano-paterno”.

La contemplazione in Don Luigi Orione (Giuseppe Rigo) p. 55

Don Orione fu contemplativo? Come? Nella spiritualità orionine emergono tratti tipici di un’anima che, dall’abbandono totale a Dio e al mistero della Croce, ha attinto la forza per esprimere il proprio amore nelle  multiformi espressioni delle sue opere di carità.

Don Orione: uomo, prete, santo “di straordinaria intelligenza  (Pino Scabini) p. 69

Don Orione, da uomo intelligente qual era, aveva un alto concetto della cultura. Egli, pur essendo pienamente impegnato nelle molte sue opere di carità, riuscì con la sua sensibilità e il suo carisma ad avvicinare  ed affascinare molti esponenti anche di primo piano della cultura.

DOCUMENTI

Prime Regole manoscritte del 1904

Hanno cent’anni le prime Regole manoscritte elaborate da Don Orione subito dopo l’approvazione canonica del 1903. Versione integrale del prezioso documento.

L’uomo della carità (Card. José Saraiva Martins)   p. 87

Presentazione al volume di Giorgio Papasogli, Vita di San Luigi Orione (Ed. Gribaudi, Milano 2004)

“Viveva la speranza di una società riconquistata a Cristo” (Arturo Carlo Jemolo)  p.91

SEGNALAZIONI

Libri   Giovanni Marchi   p. 93

Articoli   Concetta Giallongo  p. 95

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE - n. 114,  anno 36,  2004

EDITORIALE   Dalla canonizzazione di Don Orione un nuovo stimolo di studio  - p. 3

STUDI

La Madonna dal manto azzurro (Francesco Mazzitelli)  p. 5

In un momento di grande difficoltà, agli inizi del suo apostolato, Don Orione fece un sogno che considerò profetico per gli sviluppi futuri della Congregazione. Un’antica festa liturgica celebra la Protezione della Madre di Dio rappresentata con un manto azzurro steso sui cristiani.

Gli orionini a Sant’Anna dei Palafrenieri in Vaticano (Flavio Peloso)  p. 27

Don Orione e la sua Congregazione ebbero la cura pastorale della chiesa di Sant’Anna dei Palafrenieri dal 1904 al 1929. Vi fu rettore il servo di Dio Don Gaspare Goggi; era punto di incontro di personalità intraprendenti e sante. Divenuta parrocchia, passò agli Agostiniani. Nel 1940, gli Orionini assunsero il servizio del Centralino telefonico e delle Poste vaticane.

Giuseppina Valdettaro, la prima superiora delle Piccole Suore Missionarie della Carità (Antonio Lanza)  p.57

Fu accanto a Don Orione nella fondazione del ramo religioso femminile, del quale fu costituita superiora. Dopo 10 anni, nel 1925, si separò e percorse un’altra strada di consacrazione.

“Anime! Anime!” L’espiazione vicaria nella mistica di Don Orione ( Alessandro Belano) p. 67

Una nota sulla vita mistica di San Luigi Orione: la conformazione a Cristo lo porta alla medesima passione redentrice fino all’estremo di condividere l’offerta di sé in espiazione vicaria per la salvezza delle anime.

DOCUMENTI

Eventi e parole della canonizzazione di San Luigi Orione   p. 77

I - “Tanti cuori attorno al Papa, cuore della Chiesa”  - “Festa del Papa” Aula Paolo VI, 15 maggio 2004

II - La Messa di canonizzazione  -   Piazza San Pietro, 16 maggio 2004

III - La Messa di ringraziamento  -  Basilica di Santa Maria Maggiore, 17 maggio 2004

Libri  Giovanni Marchi  p. 93

Articoli  Concetta Giallongo  p. 95

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 115,  anno 36,  2004

EDITORIALE   La dolcezza della Buona Novella in un tempo privilegiato di grazia    p. 3

STUDI

Considerazioni bibliche sulla Divina Provvidenza (Enzo Giustozzi)  p. 5

La Sacra Scrittura è tutta pervasa dell’azione del Dio della storia, presenza provvidente del Padre che nel Figlio salva il mondo, lo anima e lo sostiene con il suo cuore.

A cinquant’anni dall’approvazione delle Costituzioni  (Giulia Provinciali)  p. 29

Le Costituzioni rappresentano, per una Famiglia religiosa, secondo il diritto canonico, la norma cui fare riferimento.

APPENDICE

Approvazione definitiva delle Costituzioni della “Piccola Opera della Divina Provvidenza”

Sacra Congregazione dei Religiosi

DECRETUM

Don Orione: quale prete? (Flavio Peloso)   p. 57

Ci sono alcune forti analogie tra la vita della Chiesa al tempo di Don Orione e la vita della Chiesa di oggi, tra il modello di prete vissuto e formato da Don Orione e quello esigito dal tempo attuale.

Ignazio Silone: la “Risonanza profonda e duratura” di Don Orione (Vittoriano Esposito) p. 73

Ignazio Silone sempre riconobbe la grande influenza esercitata su di lui da Don Orione. Ne parla con competenza un grande conoscitore dello scrittore morsicano.

NOTE E COMMENTI

“Le mani della Provvidenza”. Don Orione e i Genovesi (Enrica Merlo)  p. 83

In occasione della canonizzazione di San Luigi Orione, si sono svolti diversi eventi a Genova, tra cui anche la pubblicazione di un libro.

Un recente studio su Don Pollarolo (Giovanni Marchi)  p. 87

Giuseppe Tuninetti, Giuseppe Pollarolo: un prete di frontiera  Rubbettino  editore, Soveria Mannelli (Catanzaro 2004)

SEGNALAZIONI

Libri  Giovanni Marchi p. 93

Articoli  Concetta Giallongo p. 95

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 116,  anno  37,  2005

EDITORIALE   Un cuore aperto nella carità, al servizio dell’unità della Chiesa    p. 3

STUDI

Per un Ecumenismo orionino (Gaetano Piccinini),  p. 5

Don Carlo Pensa, superiore generale, invitato a partecipare al Concilio Ecumenico Vaticano II, chiese al confratello Don Gaetano Piccinini come egli vedesse un’attualizzazione della finalità ecumenica nella Congregazione orionina.

Don Piccinini gli rispose con un documento che rimase significativo, pur essendo precedente al Vaticano II.

La Madonna di Hampton Wick  (Elizabeth Ruth ) , p. 15

Presso la casa orionina di Hampton Wick, vicino a Londra, è conservata una antica e misteriosa statua in marmo della Madonna. Su quel marmo sono riconoscibili tracce di storia, arte e devozione.

Don Orione, Pescina e Silone (Flavio Peloso),  p. 25

Pescina dei Marsi ha dedicato a San Luigi Orione un  monumento e una via; un gesto di riconoscenza verso lo “strano prete” che fu visto da Ignazio Silone aggirarsi tra le macerie del paese nei giorni “grigi e gelidi” del terribile terremoto del 1915. Alcuni documenti inediti testimoniano la relazione di Don Orione con Pescina.

La posta di Padre Mariano (Concetta Giallongo),  p. 43

Dalla rubrica televisiva “La posta di Padre Mariano”, che intorno agli anni ’50 - ’60 fu seguita da migliaia di spettatori, due testimonianze di padre Mariano su Frate Ave Maria e Don Orione.

Don Orione e l’Eucaristia: Appunti di storia e spiritualità (Flavio Peloso ),  p. 55

Per San Luigi Orione, l’Eucaristia è centro da dove nasce l’impegno per la Chiesa, l’ecumenismo, i poveri. Eucaristia che diventa centro della vita e della spiritualità incarnata.

NOTE  E  COMMENTI

Don Orione nell’Archivio particolare di Pio X,  p.  67

Dalla Segretariola di San Pio X preziosi documenti riguardanti Don Orione e la Congregazione orionina.

Gli Atti del Convegno di Studi su San Luigi Orione (Giovanni Marchi),  p. 77
AA.VV., San Luigi Orione: da Tortona al mondo – Atti del Convegno di studi, Tortona, 14-16 marzo 2003, Presentazione di Giuseppe Betori, Vita e Pensiero, Milano 2004.

DOCUMENTI

Seconda parte della relazione di S. E. Mons. Pio Marcello Bagnoli al Santo Padre sul terremoto del 13 gennaio 1915,  p.  81

Dall’archivio diocesano di Avezzano.

La Bolla di canonizzazione , p.  89

Con questo solenne decreto Papale, scritto a mano su pergamena, con firma autografa di Giovanni Paolo II e sigillo, si proclama ufficialmente Luigi Orione come santo, e viene iscritto nell’elenco dei Santi.

SEGNALAZIONI

Libri   Giovanni Marchi, p.  93

Articoli   Concetta Giallongo  p.  95

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE    n. 117, anno  37,  2005   Numero speciale

EDITORIALE    In ricordo di Giovanni Paolo II     p. 3

FONTI

Don Orione nelle parole di Giovanni Paolo II,   p.  5
Sono di seguito riportati, in ordine di tempo, tutti gli interventi di Giovanni Paolo II che riguardano la figura del Beato Don Orione.

Scheda biografica su Sua Santità Benedetto XVI    p.  71

Primo messaggio Urbi et Orbi di Sua Santità Benedetto XVI   p.  81
Missa pro Ecclesia. Primo messaggio Urbi et Orbi di Sua Santità Benedetto XVI al termine della concelebrazione eucaristica con i cardinali elettori in Cappella Sistina Mercoledì, 20 aprile 2005.

 

MESSAGGI DI DON ORIONE    n. 118,  anno  37,  2005

EDITORIALE  Riflettere il carisma, per offrire Gesù al mondo     p. 3

STUDI

Il Papa e il Collegio dei Vescovi  (Aurelio  Fusi),  p.  5

L’amore al Papa e ai Vescovi è stato una costante nella vita di San Luigi Orione. Offriamo in questo articolo una lettura teologico-spirituale del servizio magisteriale dei Pastori, alla luce del carisma orionino.

“Ero in carcere e mi avete visitato” ( Flavio  Peloso ),  p.35

Fin dai primi tempi Don Orione si dedicò all’apostolato per il popolo delle carceri. Una magnifica testimonianza di carità e di intraprendenza pastorale.

Don Orione e la vicenda dei Santuariani a Montecastello di Tignale  (Michele  Busi), p.47

La singolare vicenda di un giovane religioso Olderico Boccali, grande estimatore di Don Orione e dei Santuariani che operarono a Montecastello di Tignale nei primi anni del Novecento.

I presepi viventi di Don Orione  (Giovanni Marchi),  p. 83

La vicinanza del Natale ci da l’opportunità di conoscere di più questa pratica tanto cara a San Luigi Orione.

SEGNALAZIONI

Libri   Giovanni  Marchi,  p.92

Articoli   Concetta Giallongo  p. 95

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE   n. 119,  anno  38, 2006

EDITORIALE   Dio è amore               p. 3

STUDI

Elementi dinamici generatori dell’identità sacerdotale e dell’operosità pastorale di Don Orione(Giuseppe Volponi)    p. 5

Il contributo analizza le testimonianze raccolte e depositate nel processo derthonense di beatificazione. In un’epoca di grandi mutamenti sociali, politici e anche religiosi, Don Orione continua a parlare con i suoi scritti, le sue opere, ma soprattutto attraverso la sua testimonianza di vita che affascina e attrae tuttora l’uomo contemporaneo troppo spesso confuso e disorientato perché ha smarrito la strada di Dio.

“Abbiate tra di voi gli stessi sentimenti di Gesù Cristo” (Fil  2,5) – Il servizio di autorità e l’obbedienza oggi (Maria Mabel Spagnolo),  p. 35

Il rinnovamento chiesto alla Vita consacrata spinge alla ricerca di modelli che esprimano, in nuove forme storiche, la Chiesa comunione. Offriamo in questo articolo una riflessione sul servizio di autorità e l’obbedienza, alla luce del carisma orionino come Piccole Suore Missionarie della Carità..

I Berna e Don  Orione: un binomio inscindibile  (Paolo  Clerici ), p. 67

L’Istituto Berna di Mestre fu la terza istituzione realizzata dalla giovane Congregazione dei Figli della Divina Provvidenza in Veneto, grazie alla generosità di Pietro e Maria Berna che videro in Don Orione il realizzatore e continuatore dei loro ideali di carità per ragazzi poveri e orfani.

APPENDICE

Scritti che sono conservati presso l’Archivio Don Orione.

SEGNALAZIONI

Libri  Giovanni Marchi  p. 94

Articoli  Concetta Giallongo  p. 96

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE      n. 120,  anno 38, 2006

EDITORIALE  I santi: portatori di luce       p. 3

STUDI

“Ha aperto le braccia e il cuore”: Don Orione insigne modello di carità sociale ed ecclesiale (Aurelio  Fusi),   p. 5

Don Orione si è lasciato solo e sempre condurre dalla logica dell’amore. Amore immenso e totale a Dio, a Cristo, a Maria, alla Chiesa e al Papa, e amore ugualmente assoluto all’uomo, a tutto l’uomo, anima e corpo, e a tutti gli uomini.

“Ho bisogno di figli santi!” – Vivere la santità comunitaria sulla scia di Don Orione  (Maria Mabel Spagnolo ),  p. 21

È  sempre attuale approfondire la chiamata alla santità, specialmente nel contesto del mondo di oggi e di una cultura che impone la globalizzazione della secolarizzazione, della relatività dei valori e della desacralizzazione. La presente riflessione è un brevissimo approccio al tema della santità comunitaria e all’attualizzazione dell’esperienza mistica di Don Orione.

La Tipografia “San Giuseppe” di Tortona (Michele  Busi),  p.39

Sono passati cento anni dalla nascita della prima tipografia della Piccola Opera della Divina Provvidenza. L’articolo ricostruisce le vicende che portarono Don Orione e Don Sterpi a fondare una tipografia per far conoscere, anche tramite la stampa, le attività e le iniziative della Congregazione.

APPENDICE

Sfogliando nel catalogo della Tipografia San Giuseppe.

DOCUMENTI

Franca  Beer Roux: ho incontrato Don Orione (Flavio Peloso), p.65

Nel tessuto di vicende personali, familiari, sociali, l’incontro con Don Orione, misterioso e concreto, costituisce una sorpresa e una speranza. Testimonianza di una italiana ebrea in Argentina.

Don Orione e il Vangelo della Divina Provvidenza  (Mons. Bruno Forte), p.77

Il 16 maggio 2005 a “Villa Joseph” di Ischia si è celebrata la festa liturgica di San Luigi Orione. Ha presieduto la S. Messa mons. Bruno Forte, alla presenza di vari Confratelli della Congregazione, di Religiosi e Sacerdoti dell’Isola. Si riporta l’intervento omiletica dell’Arcivescovo.

Don Orione tra i santi della carità  (Mons. Angelo Amato), p. 83

Omelia di Mons. Angelo Amato, pronunciata il 16 maggio 2006 durante la concelebrazione eucaristica per la festa di San Luigi Orione presso la chiesa Mater Dei di Monte Mario a Roma.

SEGNALAZIONI

Due libri su Don Gnocchi  (Concetta Giallongo)  p.89

ALTRE  SEGNALAZIONI

Libri  Giovanni Marchi  p. 92

Articoli  Concetta Giallongo  p.95

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE   n. 121,  anno 38, 2006

EDITORIALE

A servizio del Vangelo  p. 3

STUDI

Il difficile acquisto della “Casa Paterno” ( Paolo Clerici)  p. 5

La casa Madre della Congregazione in Tortona è stata acquistata da Don Orione nel Novembre 1905, prima era la casa degli Oblati vescovili fondati da Monsignor Igino Bandi.

Fino all’autunno del 1927 fu collegio sotto il nome di “Convitto Paterno” con annessa la Tipografia “San Giuseppe”. Dopo la fortunata “questua delle vocazioni”, divenne casa di formazione per aspiranti alla vita sacerdotale e religiosa.

Alla scuola del Vangelo (Leonardo Moreno)  p. 39

Suggerimenti di San Luigi Orione per leggere e vivere il Vangelo.

DOCUMENTI

Figli della Divina Provvidenza in un mondo che non sogna più (Flavio Peloso)  p. 65

Si è svolto dal 24 al 29 ottobre scorso, a Rio de Janeiro, il primo Forum Internazionale dei giovani orionini. Riportiamo l’intervento del Superiore Generale tenuto il 25 ottobre.

I cento anni dell’Archivio Storico dell’Opera Don Orione (Michele Busi)  p. 77

Lo scorso anno ha compiuto cento anni l’Archivio Storico dell’Opera  Don Orione. Alcune prospettive di ricerca.

NOTE

Ricordo di Lorenzo Tedeschi (Flavio Peloso )  p. 85

SEGNALAZIONI

Religiosi, economia e società nell’Italia contemporanea (Michele Busi ) p. 87

Prospettive da un recente seminario di studi.

Libri

Giovanni Marchi   p. 89

Articoli

Concetta Giallongo  p. 95

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE   n. 122,  anno 39, 2007

EDITORIALE

Al servizio della persona umana  p. 3

STUDI

Don Orione padre degli orfani del genocidio armeno (Paolo Clerici )   p. 5

È questa una pagina poco conosciuta della paterna carità di San Luigi Orione. Un gruppo di orfani del genocidio armeno del 1915-18 fu accolto nel 1925 per volontà di Don Orione nel suo istituto agrario nell’isola di Rodi. Erano prediletti da Don Orione perché “figli di martiri” che hanno testimoniato con il sangue la fedeltà a Cristo. Otto di questi fanciulli chiesero di entrare in Congregazione, due diventeranno sacerdoti.

La Madonna e la democrazia (Aurelio Fusi)  p. 45

Una riflessione a partire da una singolare richiesta di Don Orione a don Murri.

“Spalanca le porte del tuo cuore”.

Don Galbiati avvinto dalla carità di Don Orione (Michele  Busi)   p. 65

L’articolo ripercorre brevemente i tratti di una speciale amicizia che legò Don orione con Don Benedetto Galbiati, una delle figure più significative del clero italiano della prima metà del Novecento.

NOTE

Col “San Filippo” a Porta San Sebastiano (Gian Carlo Menichelli)   p. 81

Un ex allievo ricorda il singolare incontro con Pio XII di Don Orione e degli allievi del “San Filippo” di Roma.

SEGNALAZIONI

Libri

Giovanni Marchi    p. 91

Articoli

Enrico Casolari   p. 95

 

MESSAGGI DI  DON  ORIONE    n. 123,  anno 39, 2007

EDITORIALE Una grande storia da costruire   p. 3

STUDI

Sentire Ecclesiam (Fernando Hector Fornerod)   p. 5

La sensibilità ecclesiologica di San Luigi Orione in chiave carismatica.

Don Orione e mons. Cottafavi, delegato Pontificio per i terremotati di Calabria (Giuseppe Adriano Rossi)   p. 29

Nuovi documenti inediti.

L’Università popolare «Don Orione» ( Giovanni Marchi)   p. 61

Il contributo ripercorre le vicende di una importante intuizione orionina: l’Università popolare.

Le reliquie di Igea e Rufina (Flavio Peloso)   p. 75

Come i corpi delle due Sante del secolo II furono donate ad una chiesa di Sulmona nel 1803 e da questa, nel 1957, alla congregazione di Don Orione per una chiesa in Brasile.

Recensione

La comunità dei Tredici: una comunità interculturale (Enrico  Casolari )   p. 87

SEGNALAZIONI

Libri  Giovanni Marchi   p. 91

Articoli  Enrico Casolari   p. 95

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE    n. 124,  anno 39, 2007

EDITORIALE  Per una cultura orionina della vita    p. 3

STUDI

Adele Costa Gnocchi (Flavio Peloso)  p. 5

La grande pedagogista montessoriana fu una discreta e premurosa tessitrice di rapporti e coinvolse Don Orione nell’aiuto di piccoli e di grandi, come Ernesto Bonaiuti, Brizio Casciola, la principessa Teresa di Venosa. Tracce preziose dagli inediti di archivio.

Il santo corpo di Don Orione: testimone autentico e diretto (Ezio Fulcheri )   p. 29

Una ricostruzione, non solo scientifica ma partecipata, delle tappe che hanno caratterizzato la conservazione del Corpo di Don Orione.

Don Orione a Reggio Calabria nei giorni del terremoto (Antonio Lanza )   p. 47

Il 28 dicembre 2008 ricorrono i cento anni dal terribile terremoto che scosse la Calabria e la Sicilia e che vide Luigi Orione tra i soccorritori fin dai primi giorni.

L’articolo ricostruisce i movimenti di Don Orione giorno per giorno dalla partenza da Tortona fino alla sua permanenza a Reggio, prima di imbarcarsi per Messina.

Don Brizio Casciola collaboratore del “San Giorgio”(Michele Busi )   p. 61

Una preziosa e apprezzata collaborazione durata oltre 25 anni, al periodico dell’Istituto S. Giorgio di  Novi Ligure.

NOTE E COMMENTI

San Padre Pio, il primo sacerdote stigmatizzato (Giovanni Marchi )   p. 81

Una riflessione a margine del recente volume di Sergio Luzzatto, Padre Pio. Miracoli e politica nell’Italia del Novecento.

SEGNALAZIONI

Articoli  Enrico Casolari  p. 85

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE     n. 125,   anno 40,  2008

EDITORIALE  Per una parrocchia missionaria     p. 3

STUDI

Don Orione e l’Azione Cattolica (Flavio Peloso )   p. 5

Notizie e tracce di documenti per avviare uno studio.

Centenario della parrocchia di Ognissanti (Vito Cutro )    p. 15

Ricorre il centenario della parrocchia romana di Ognissanti, che Pio X volle affidare personalmente a Don Orione.

L’articolo ricostruisce le vicende della parrocchia “fuori porta San Giovanni”.

La parrocchia di San Michele a Tortona (Giulia Provinciali )   p. 37

Il contributo riprende le vicende di una complessa e per certi versi dolorosa questione giuridica che riguardò la parrocchia di San Michele a Tortona.

NOTE  E  DOCUMENTI

Cammino e significato del movimento ecumenico (Walter Kasper)   p. 59

Nella riflessione tenuta nel gennaio scorso dal Card. Walter Kasper, del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei Cristiani per i cento anni della Settimana di preghiera, viene espressamente citato anche San Luigi Orione.

SEGNALAZIONI

Libri  Giovanni Marchi        p. 67

Articoli  Enrico Casolari           p. 71

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 126, anno  40,  2008

EDITORIALE  “Fari di fede e di civiltà”      p. 3

STUDI

Carolina Feltri, la mamma di Don Orione (Aurelio Fusi) p. 5

 Si rende  interessante  la conoscenza della madre di Don Orione, figura di grande valore e di influenza sulla formazione del Santo.

La grande famiglia dei Dufour, benefattori e amici di Don Orione (Giovanni  Marchi)  p.19

Una singolare vicenda di amicizia e di carità che ha caratterizzato l’esistenza dei membri della famiglia genovese dei Dufour.

L’aiuto alla vita debole come dinamica di civiltà e di fede in Don Orione (Flavio Peloso) p. 33

Pio XII ha definito Don Orione “Padre dei poveri e benefattore dell’umanità dolorante e abbandonata”. Il Santo fondatore visse e trasmise la carità nella sua dinamica sociale e apostolica che gli valse l’appellativo di  “stratega della carità” attribuitogli da Giovanni Paolo II nell’omelia della canonizzazione.

NOTE  E  DOCUMENTI

“Solo l’amore assicura l’uomo” (card. Angelo Scola)   p. 53

Omelia tenuta presso il Santuario Madonna della Guardia di Tortona durante la Santa Messa in onore della B. V. della Guardia , il 29 agosto 2008.

Amicizie di Santi (Giovanni Marchi)   p.57

San Padre Pio, il Beato Bartolo Longo, Suor Benedetta Frey, Padre Clemente Rebora, la Beata Madre Teresa Michel, Don Umberto Terenzi in alcune recenti biografie.

SEGNALAZIONI

Libri      Giovanni Marchi    p. 85

Articoli      Concetta Giallongo    p. 87

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE      n.127,  anno 40,  2008

EDITORIALE   Don Orione, un uomo aperto al mondo     p. 3

STUDI

Don Gaspare Goggi. L’olocausto della mente e della vita  (Alessandro Belano            p.5

Definito da san Luigi Orione «il primo figlio della Divina Provvidenza, mente eletta, tempra di santo tanto pio quanto dotto », don Gaspare Goggi consumò la sua brevissima esistenza nell’olocausto della mente, del cuore e della vita, attraversando un doloroso travaglio interiore. Sperimentò una autentica “passio” che lo conformò al Cristo crocifisso.

Mons. Giandomenico Pini  (Flavio Peloso             p.35

Assistente generale della FUCI e poi della Gioventù Cattolica, fu grande educatore di giovani e protagonista del cattolicesimo nel primo Novecento. Fu stimato dal vescovo Bandi e restò sempre legato a Don Orione.

Due veri amici: Agostino Ravano e Don Orione  (Concetta Giallongo)             p.41

Agostino Ravano instaurò con Don Orione un rapporto di stima, di affetto, di devozione, di collaborazione. La famiglia Ravano di Genova fu determinante per il decollo della Piccola Opera a Genova.

La dott.ssa Zdana Ludwika Brandt e le Piccole Suore Missionarie della Carità a Wloclawek (Maria Agnieszka Machaj )                p.63

Una donna illum inata e generosa instaurò una fattiva collaborazione con le Piccole Suore Missionarie della Carità, in Polonia, a beneficio dei bambin i abbandonati e delle madri in difficoltà.

SEGNALAZIONI

Articoli   Concetta Giallongo     p. 79

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE    n. 128, anno 41,  2009

EDITORIALE   “Solo la carità salverà il mondo”    p. 3

STUDI

Il Santuario della Madonna della Guardia

e il Tempio Votivo della Vittoria a Tortona  ( Flavio Peloso)      p.5

Dopo la prima guerra mondiale (1915-1918), a Tortona, furono lanciati due progetti di santuari commemorativi: quello di Don Orione in seguito al voto popolare, a San Bernardino, e quello di un comitato cittadino, sulla collina del Castello.

Luigi Orione, Giosué Carducci e l’Abate Chanoux (Luigi Quaglini)     p.19

La Chanousia del Piccolo San Bernardo fu non solo celebre Giardino Botanico, ma anche “Incontro” di personalità che hanno segnato il ‘900.

Giuseppina Morgera e Villa Joseph di Casamicciola-Ischia (Concetta Giallongo)      p.29

All’origine della presenza degli Orionini nell’isola d’Ischia sta una donna forte e santa, discepola di Padre Pio da Pietrelcina.

I decreti di approvazione della Piccola Opera della Divina Provvidenza (Alessandro Belano)   p. 41

Vengono riportati e tradotti i principali documenti relativi all’approvazione canonica con alcun i essenziali appunti storici.

Villa Charitas nella storia della carità di Tortona (Flavio Peloso)         p. 67

Don Orione vi iniziò nel 1933 un’opera per “orfanelli”. Dal 1990 vi sono le Suore Contemplative di Gesù Crocifisso. Notizie e documenti.

SEGNALAZIONI

Libri   Giovanni Marchi        p. 85

Articoli   Concetta Giallongo     p. 87

 

MESSAGGI  DI DON  ORIONE  n. 129,  anno  41,  2009

EDITORIALE   La cultura al  servizio del bene       p. 3

STUDI

Ernesto Campese e il segreto di Don Orione (Flavio Peloso)      p. 5

Al funzionario del Ministero degli Interni, incontrato sui luoghi del terremoto, ad Avezzano nel 1915, Don Orione rivelò il suo segreto. I documenti d’archivio restituiscono la discreta e profonda relazione tra lo “stratega della carità” e il burocrate dello Stato.

Don Orione e le problematiche sociali del suo tempo (Enrico Casolari)            p.17

I temi sociali hanno sempre fatto da supporto agli interventi caritativi di San Luigi Orione: curare le ferite del popolo e dei singoli per arrivare all’essere umano nella sua totalità.

Opere di carità, “fari di fede e di civiltà” (Maria Mabel Spagnuolo)      p.25

Irradiare fede e civiltà è lo scopo specifico e identificante delle opere di carità nella visione e nella pratica orionina. Questa dinamica è ancor più urgente nella società attuale.

Carlo Bo ricorda Don Orione: “La carità non ha storia”           p. 35

Carlo Bo, noto protagonista della cultura italiana, tracciò rapide e precise linee della personalità di Don Orione in un articolo del 1973. Riproponiamo il testo con note di Don Flavio Peloso.

Carlo Bo e Don Orione (Galliano Crinella            p. 42

Carlo Bo si avvicinò alla figura di Don Orione e restò incantato dalla densità di mistero che la pietas e caritas del santo sacerdote nascondevano e rivelavano insieme.

Mariano Magrassi presenta Frate Ave Maria      p. 49

Mariano Magrassi (vescovo 1930-2004) abbozza con la sua caratteristica sensibilità spirituale il profilo biografico e spirituale del venerabile Frate Ave Maria, l’eremita cieco della Divina Provvidenza.

NOTE  E  DOCUMENTI

Ricordo di Don Ignazio Terzi         p. 63

Ricordo di Giovanni Marchi           p. 73

SEGNALAZIONI

Libri  Giuseppe Vallauri       p.77

Articoli   Concetta Giallongo     p. 81

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE     n. 130,  anno  41,  2009

EDITORIALE   Caritas in veritate     p. 3

STUDI

Pio XI  e Don Orione. L’incontro di due uomini che vissero per la Chiesa  ( Aurelio Fusi)   p.5

Pio XI (Achille Ambrogio Damiano Ratti) e Don Luigi (Giovanni) Orione con la loro personalità e la loro azione hanno segnato la storia del secolo scorso pur avendo svolto compiti diversi in seno alla Chiesa.

Ermeneutica orionina. Come studiare Don Orione (Flavio Peloso)  p.73

Ermeneutica orionina per conoscere Don Orione “da Figli”

SEGNALAZIONI

Libri  Concetta Giallongo     p. 92

Articoli   Concetta Giallongo     p. 95

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE   n. 131,  anno  42,   2010

EDITORIALE  Roma, la Chiesa, l’università.         p.3

STUDI

Il voto alla Madonna per la salvezza di Roma alla fine della  seconda grande guerra (Giovanni Marchi)            p. 5

Roma nel 1944 stava per diventare l’epicentro dello scontro frontale tra le truppe tedesche che occupavano la  Città e quelle alleate che vi stavano arrivando. Don Piccinini e gli orionini promossero un voto popolare alla Madonna “Salus populi romani”, poi indirizzato alla Madonna del Divino Amore. Lo scambio degli eserciti, per misericordia di Maria e per l’opera del Papa, avveniva senza che la città santa avesse minimamente a soffrirne.

Il trono della Madonna di Monte Mario (Patrizia Martinez)       p.19

Nel 1944 gli Amici di Don Orione promossero la raccolta di firme per il voto popolare di Roma alla Madonna in favore dell’incolumità della città durante la seconda guerra mondiale. La grazia ricevuta fu resa visibile a tutti con l’elevazione sul colle di Monte Mario della Statua della Madonna Salus Populi Romani, opera di Arrigo Minerbi.

Una luce a Monte Mario (Antonio Lanza)  p.35

La città di Roma ha avuto un particolare fascino e ruolo nel cuore e nell’attività di San Luigi Orione. Nella “città eterna” la Piccola Opera della Divina Provvidenza si radicò profondamente. L’autore richiama alcune pagine di storia significative, focalizzando l’attenzione sull’insediamento del Centro Don Orione a Monte Mario.

NOTE  E  DOCUMENTI

Don Gaetano Piccinini ricorda “Roma  città aperta”      p.51

Lettera di Arrigo Minerbi a don Giuseppe Zambarbieri            p.65

Don Piccinini parla del battesimo e della morte di Minerbi       p.69

Libri  Concetta Giallongo     p.71

Articoli   Concetta Giallongo     p.77

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE    n. 132,  anno  42,   2010

EDITORIALE   I segni della Provvidenza nel mondo         p.3

STUDI

Don Orione e la Santa Sindone  (Silvestro Sowizdrzal)     p.5

Don Orione, devoto del  Crocifisso, vive con intensità e diffonde anche la devozione alla Santa Sindone che vede per la prima volta durante l’ostensione del 1898. Davanti al Sacro Lino pregherà anche nel 1931 e nel 1933.

L’Istituto Marco Soranzo di Campocroce di Mirano (VE)  (Paolo Clerici)      p. 25

Nel 1919 Don Orione accetta dal Conte Marco Soranzo la Villa estiva di Campocroce di Mirano. Fino al 1930 accolse orfani dei terremoti di Messina e della Marsica. Dal 1930, dopo la questua delle vocazioni, fino al 1995, fu seminario minore della Congregazione.

Perosi, Toscanini e l’Oratorio Mosè come segno di amicizia e stima (Flavio Peloso)  p.57

Una fotografia  con dedica di Toscanini a Giuseppe Perosi, trovata nell’Archivio Don Orione, ha dato modo di ricordare l’amicizia tra i due ma anche quella di entrambi con Don Orione.

NOTE  E  DOCUMENTI

“Questa cara festa del Papa”  (Achille Morabito)              p. 63

La festa del Papa quest’anno ha vissuto un momento particolare: il 24 giugno Benedetto XVI si è recato alla Camilluccia, ha pregato sotto la “Madonnina” e ha benedetto l’immagine restaurata affidando la città di Roma alla protezione di Maria.

“Tanti cuori attorno al Papa” (Flavio Peloso)      p.67

Il benvenuto al Papa del Superiore generale don Flavio Peloso.

Un legame rinsaldato (Gianni Alemanno)              p.69

Il saluto del  sindaco di Roma, Gianni Alemanno.

“Maria sia in cima ai vostri pensieri e ai vostri affetti” ( Benedetto XVI)          p.71

Il discorso del Santo Padre Benedetto XVI.

SEGNALAZIONI

Articoli   Concetta Giallongo     p. 75

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE   n. 133,  anno  42,  2010

EDITORIALE   Libertà religiosa, via per la pace    p. 3

STUDI

Don Orione: l’amicizia di Don Bosco continuata da Don Rua   (Don Flavio Peloso)   p. 5

Nel centenario della morte del beato Michele Rua, l’autore ricostruisce il senso e la consistenza storica della relazione tra Don Rua e Don Orione.

Il senatore Antonio Boggiano Pico (Michele  Busi)    p. 45

Il profilo di uno dei laici più significativi per lo sviluppo della Piccola Opera della Divina Provvidenza a Genova e in altre città italiane.

La presenza orionina  a Rodi (Luca Pignataro)    p.79

Pur essendo durata solo poco più di vent’anni, la presenza dell’Opera di Don Orione a Rodi è stata particolarmente significativa.

SEGNALAZIONI

Articoli   Concetta Giallongo     p. 95

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE          n.134,  anno 43,  2011

EDITORIALE   Giovanni Paolo II beato       p. 3

STUDI

La venerabile suor Maria Plautilla: il volto della carità (Aurelio Fusi)             p.5

Il 1° luglio 2010 Papa Benedetto XVI ha autorizzato la Congregazione per le Cause dei santi a promulgare il decreto che riconosce le virtù eroiche della Serva di Dio Suor Maria Plautilla (al secolo Lucia Cavallo) religiosa delle Piccole Suore Missionarie della carità.

75 anni dalla stesura dei primi due capitoli delle Costituzioni delle Piccole Suore Missionarie della Carità (Sr. M. Alicia Kedziora)         p. 43

Pur immerso in una grande attività apostolica in Argentina, Don Orione nel 1935 offre alle Suore il testo riflettuto, meditato e pregato e soprattutto vissuto in prima persona, come esperienza dello Spirito, che lo conduceva da anni a contribuire con la sua Famiglia religiosa all’ Instaurare omnia in Cristo.

La storia della fondazione dell’Istituto delle Sacramentine cieche        p. 73

SEGNALAZIONI

Articoli   Concetta Giallongo     p.89

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 135, anno  43, 2011

EDITORIALE   Educare, impegno di tutti                                                        p. 3

STUDI

Motivi letterari, storici e spirituali nella prima lettera di San Luigi Orione (Alessandro Belano)  p. 5

L’epistolario di San Luigi Orione rappresenta un patrimonio letterario, storico e carismatico di eccezionale valore. Già nella prima lettera che possediamo, scritta dal giovane Orione allora quattordicenne, emergono i tratti distintivi della sua sensibilità, carità e fede nella divina Provvidenza.

 Carità educativa: Don Orione per l’elevazione dei “figli dell’umile popolo lavoratore” (Flavio Peloso)                           p.27

L’espressione apostolica del carisma orionino ha una consistente realizzazione nell’impegno educativo. L’esperienza di Don Orione in Italia e Argentina ha un valore esemplare e ispirativo nell’inculturazione della carità educativa nei diversi contesti sociali e culturali.

Don Orione e il diabete (Maria Rosa Zbicajnik e Facundo Mela)                p.47

L’attività svolta da Don Orione, durante il suo secondo soggiorno in Argentina, sarà caratterizzata per varietà e intensità di impegni. Il Fondatore visiterà autorità civili ed ecclesiastiche, riceverà numerose proposte da parte di vescovi, terrà conferenze ed esercizi spirituali, parlerà alla radio, scriverà sui giornali e viaggerà in aereo. Ma durante questo secondo soggiorno, il peso dell’età si farà sentire e a 62 anni comincerà a sperimentare alcuni problemi di salute, tra cui il diabete.

Don Orione e Pavia (Francesca Argentini)                               p.57

Notizie su Don Orione e la sua opera attraverso il settimanale della diocesi pavese “Il Ticino”.

NOTE  E  DOCUMENTI

“Giovani, sole o tempesta del domani?” (Card. Angelo Bagnasco)    p. 67

Tortona, domenica 13 marzo 2011. Convegno Opera Gioventù Orionina.

Don Gaetano Piccinini, “Giusto fra le nazioni” (Don Flavio Peloso, Mordechay Lewy, Livia Link-Raviv, Don Giuseppe Sorani)    p. 79

I fatti, le ragioni, il significato dell’onorificenza di Israele.

SEGNALAZIONI

Libri      Concetta Giallongo   p. 91

Articoli   Concetta Giallongo                                                               p. 93   

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 136, anno  43, 2011

EDITORIALE   Per una Chiesa missionaria                                                p. 3

STUDI

La rivista « Mater  Dei » Nel cuore della devozione mariana di San Luigi Orione (Alessandro Belano)  p. 5

Nel 1929, in preparazione al XV anniversario del Concilio di Efeso e alla proclamazione del dogma di Maria Teotókos, Don Orione pubblicò la rivista mariana « Mater Dei ». Ripercorriamo le tappe più significative di questa coraggiosa e originale iniziativa ricordandone le date, i personaggi, gli sviluppi e l’imprevista cessazione ed evidenziando gli elementi spirituali e carismatici legati alla devozione di San Luigi Orione verso la Vergine Maria, venerata come Madre di Dio.

Gli sviluppi della Congregazione Orionina in America Latina (Antonio Lanza )  p.43

Il contributo tratteggia, a partire dal primo viaggio di Don Orione in America Latina (1921-22) fino al secondo viaggio (1934-37), gli sviluppi dell’opera orionina attraverso le istituzioni che sono sorte vivente il Fondatore. Emerge  insieme al generoso slancio missionario di Don Orione, anche la sua incessante fiducia, pur nelle grandi difficoltà, nella Divina Provvidenza.

SAGGI

Don Orione expresándose  en Español  ( Facundo  Mela )           p. 65                          

NOTE  E  DOCUMENTI

Tortona: ricordo di Suor Maria Plautilla (Mons. Giuseppe Cavallotto e suor Maria Mabel Spagnuolo )   p. 71

Il  12 e il 13  novembre scorsi al Santuario della Madonna della Guardia è stata presentata la figura di suor Maria Plautilla – al secolo Lucia Cavallo -  che Papa Benedetto XVI ha dichiarato venerabile il 1° luglio 2010.

SEGNALAZIONI

Libri      p. 81

Articoli   Concetta Giallongo    p. 85   

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 137, anno  44, 2012

EDITORIALE   Villa Moffa                                                        p. 3

STUDI

Villa Moffa: la casa più amata da Don Orione (Paolo Clerici)  p. 5

Don Orione acquistò Villa Moffa nel dicembre 1911: la casa venne posta sotto la protezione di Maria Immacolata. Il regolare noviziato iniziò il 15 agosto 1912, dopo il corso di Esercizi Spirituali dello stesso anno. Nel 1935 si inaugurò il nuovo edificio, destinandolo nel 1939 a Liceo Classico della Congregazione intitolato a S. Tommaso D’Aquino.

Il noviziato a Villa Moffa: una fucina di santità (Aurelio Fusi)                           p.47

La Casa di Villa Moffa fu sempre cara al cuore di Don Orione e di molti religiosi della Piccola Opera. Essa non fu solo il luogo della formazione culturale e spirituale dei Figli della Divina Provvidenza, ma ben presto si trasformò in luogo di speranza. Dove guardare, infatti, per intravedere il luminoso futuro della Congregazione? A Villa Moffa, ovviamente, dove, dopo il suo acquisto, a partire dal 1912, decine di novizi e di chierici si prepararono a diventare gli apostoli dei poveri e i missionari del mondo nuovo.

SEGNALAZIONI

Libri    Concetta Giallongo      p. 85

Articoli   Concetta Giallongo      p. 87   

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 138, anno  44, 2012

EDITORIALE    “Cos’è l’uomo perché te ne curi?”                                                p. 3

STUDI

San Giuseppe Benedetto Cottolengo e San Luigi Orione: due cuori senza confini (Maria Alicja Kedzora – Aurelio Fusi)  p. 5

“E’ tanti anni che si legge la vita del Cottolengo. Vorrei che si leggesse almeno per venticinque anni e più, dopo la mia morte. E spero che quello che verrà dopo di me vorrà continuare a far leggere la vita del Cottolengo”. Sono sufficienti queste poche parole – pronunciate a Tortona durante la Buona notte del 25 aprile 1938 – per farci capire quanto sia stata la stima e la devozione di Don Orione nei confronti del santo di Torino.

L’abate olivetano Placido M. Lugano e Don Luigi Orione (Valerio Cattana O.S.B.)   p.41

Attraverso la lettura del Diario scritto dall’abate olivetano, è possibile ricostruire i rapporti da lui avuti con Don Orione e con la Congregazione.

Il Collegino di Colonnata di Firenze e la strage di 23 bambini con il chierico Teofilo Tezze (8 febbraio 1944) (Flavio Peloso)   p.63

Una tragica vicenda avvenuta nel corso dei mesi più duri della seconda guerra mondiale a Sesto Fiorentino che ebbe protagonisti alcuni religiosi orionini e i bambini ospiti in un piccolo collegetto.

San Lugi Orione e l’Africa (Facundo Mela)   p.73

Don Orione fin dai primi anni ebbe l’intuizione di allargare i confini della propria Congregazione anche in terra africana. Egli già nei rapporti epistolari con il vescovo brasiliano mons. Silverio si era interessato per le vocazioni dei discendenti africani in Brasile.

SEGNALAZIONI

Libri  Aurelio Fusi    p. 83

Articoli   Concetta Giallongo            p. 84   

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 139, anno  44, 2012

EDITORIALE   Il Movimento Laicale Orionino      p. 3

STUDI

San Luigi Orione e il Patriarca Pietro La Fontaine (Paolo Clerici)   p. 5

La santa e fraterna amicizia che legò Don Orione e il Patriarca di Venezia nacque e si sviluppò per una comune “sintonia evangelica” di amore verso i piccoli e i poveri e determinò tanta parte della storia carismatica della Congregazione.

Tracce del rapporto tra Don Orione e il Ministro Cesare Maria De Vecchi di Val Cismon (Flavio Peloso)   p.53

L’articolo ripercorre i rapporti che ebbe don Luigi Orione con Cesare Maria De Vecchi, che fu ambasciatore presso il Vaticano e poi ministro dell’Educazione Nazionale.

San Luigi Orione e l’Asia (Facundo Mela)   p.67

La presenza orionina in Asia ha inizio ancora vivente il Fondatore, nel 1921, quando venne aperta una grande colonia agricola per orfani nei pressi di Rafat, in Pelstina. L’attività apostolica è poi proseguita man mano in diverse nazioni del Continente.

NOTE  E  DOCUMENTI

Ricordo di Don Clemente Perlo      p.81

A scuola di Don Orione                    p.85

SEGNALAZIONI

Libri    Giampiero Congiu    p. 93

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 140, anno  45, 2013

EDITORIALE    Habemus papam        p. 3

STUDI

I Beati Martiri Riccardo Gil Barcelón e Antonio Arrué Peiró (Flavio Peloso)   p. 7

Un cammino di santità e martirio cominciato fuori porta Sant’Anna in Vaticano e concluso al Saler di Valencia, sotto i colpi della persecuzione religiosa in Spagna.

 “Che gran cosa è l’uomo perché te ne curi!” Le opere assistenziali tra etica e carità (Flavio Peloso)   p.43

Elementi di formazione bioetica per operatori nelle istituzioni socio-sanitarie. Fondamenti etici e religiosi, modalità di servizio, dimensione evangelizzatrice della cura alla vita debole.

“Penso alla Norvegia”. Un desiderio e un progetto missionario di Don Orione degli anni Trenta (Facundo Mela)   p.57

Un desiderio e un progetto missionario di Don Orione degli anni Trenta che mostrano la sua apertura apostolica e la passione ecumenica.

Eugenio Ottaggi, “Geni”, il primo chierico della Piccola Opera della Divina Provvidenza (Maria Luisa Ricotti)   p.67

Un ritratto del primo Chierico della Piccola Opera della Divina Provvidenza, morto ancora giovane nel giugno 1899, quando la Congregazione stava muovendo i primi passi.

NOTE 

Grazie Benedetto XVI         p.73

Messaggio del card. Jorge Bergoglio al Capitolo provinciale dei Figli della Divina Provvidenza            p.87

SEGNALAZIONI

Libri e Articoli     p. 93

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 141, anno  45, 2013

EDITORIALE  Cento anni dall’abbraccio dei popoli                                            p. 3

STUDI

No princípio era o sonho. As origens das missões orionitas no Brasil (Antonio Sagrado Bogaz)   p. 5

São Luís Orione sonhou com um projeto missionário para sua vida e para os seus seguidores, os Filhos e Filhas da Divina Providência.

La fede di Don Orione (Juan Carlos Maccarone)   p.33

Approfondimenti teologici e spirituali della fede vissuta ed espressa da Don Orione.

La parrocchia San Benedetto Abate in (Paolo Clerici)   p.41

Il Beato Card. Schuster il 21 marzo 1953, benediceva aprendola al culto dei fedeli la Chiesa di San benedetto in Milano, rendendola poi parrocchia. Don Orione la volle grande e cuore del Piccolo Cottolengo Milanese.

NOTE 

Don Orione parla spagnolo (Facundo Mela)         p.79

Decreto super martyrio dei Servi di Dio Riccardo Gil Barcelón e Antonio Arrué Peirós            p.85

Ricordo di Concetta Giallongo p. 89

SEGNALAZIONI

Libri    p. 93

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 142, anno 45, 2013

Sui passi dei santi crescono le opere di Dio. Don Silvio Ferretti, Aurelio Fusi, p. 5-27.

Alle origini del Piccolo Cottolengo milanese di Paolo Clerici,  p. 29-66.   

L’Arcivescovo Montini e il Piccolo Cottolengo milanese, Gabriele Archetti, p. 67-85.

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 143, anno  46, 2014

Don Orione e il rito bizantino,          Gaetano Passarelli, p.5-57.

Testo e contesto del proclama alle mondine, Flavio Peloso, p. 59-74.

San Luigi Orione e il pittore Gustavo Marvasi, Aurelio Fusi, p.75-86.

Sant’Alberto di Butrio, Flavio Peloso,  p.87-94.

Il processo di beatificazione-canonizzazione della Venerabile suor Maria Plautilla, Aurelio Fusi, p.95-108.

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 144, anno  46, 2014.

Una famiglia a lungo desiderata, Antonio Lanza, p.5-41.

L’attualità sociale ed ecclesiale stimola la profezia del carisma orionino, Flavio Peloso, p. 43-63.

La vita comunitaria, quando il mistero diventa miracolo, Raymond Ahoua, p. 65-78.

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 145, anno  47, 2015

Don Orione. Cronaca dell’addio, Flavio Peloso, p. 3-96. [numero monografico]

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 146, anno  47, 2015

La storia centenaria delle Piccole Suore Missionarie della Carità, Maria Alicja Kedziora, p. 5-50.

Le Piccole Suore Missionarie della Carità in Polonia, Maria Irena Jastrzębska, p. 51-68.

Suor Maria Stanislaa Bertolotti e Don Orione sulla strada della carità, Agnese Salaroli, p. 69-87.

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 147, anno  47, 2015

Don Orione e San Pio X, Aurelio Fusi, p. 3-48.

I mille volti della carità e della santità oggi, Achille Morabito, p. 49-65.

Don Orione e Sant’Oreste del Monte Soratte, Flavio Peloso, p. 67-81.

Don Gino Bressan, Alessandro Belano, p. 83-89.

 

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 148, anno  48, 2016

Il Cardinale Giuseppe Siri e Don Orione, Aldo Gorini, p. 7-65.

Don Orione e Madre Teresa Grillo Michel, Flavio Peloso, p. 67-79.

Don Orione e gli Orfani del terremoto del 1915 in Abruzzo, Paola Nardecchia, p. 81-102.

              

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 149, anno  48, 2016.

La metafora del viaggio della vita nell’incontro con uno strano prete di Silone, Alessandro Lembo, p. 7-29.

“Los desamparados”. Una parola carismatica molto cara a Don Orione, Flavio Peloso, p.31-38.

La fraterna amicizia di Don Lorenzo Perosi, Domenico Sparpaglione, p. 39-67.

Le Filippine nel sogno missionario di San Luigi Orione, Facundo Mela, p. 69-80

“Servi di Cristo e dei poveri. Cronaca del Capitolo Generale XIV”, Flavio Peloso, p. 80-88.

Discorso del Santo Padre Francesco ai partecipanti al Capitolo Generale della Piccola Opera della Divina Provvidenza, 27 maggio 2016 [italiano, francese, inglese, polacco, portoghese, tedesco], p.89-100.

        

MESSAGGI  DI  DON  ORIONE  n. 150, anno  48, 2016

Don Orione negli anni del modernismo. I fatti e la lezione di ecumenismo interno alla Chiesa, Flavio Peloso, p. 7-28.

La sorprendente lettera di Don Orione al Ministro delle Finanze Guido Jung sull’Hallesismo, Flavio Peloso, p.29-39.

Don Orione e le lingue della missione, Facundo Mela, p.41-61.

La tragedia di Caracas. L’incidente stradale e la vicenda giudiziaria, Giuseppe Vallauri, p.63-81.

Lascia un commento
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code  Refresh Ricarica immagine

Salva il commento

thumb
Buonanotte del 27 maggio 2018