Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
Messaggi don Orione
thumb

Fu eretta in seguito al voto per la liberazione di Roma, avvenuta il 4 giugno 1944. Servizio di Emanuela Campanile per VATICAN NEWS.

STORIA DI UN VOTO E DI UNA PROMESSA MANTENUTA.

Incoraggiati da Pio XII, i romani pregano e fanno un voto a Maria Salus Populi Romani perché la città sia risparmiata dallo scontro finale tra tedeschi e alleati.

Emanuela Campanile - Vatican News, Città del Vaticano

Italia, 1944. Gli alleati sbarcano ad Anzio nel gennaio di quello stesso anno, la Linea Gustav è spezzata, i tedeschi arretrano, gli americani avanzano verso Roma. La capitale è ancora nelle mani dei tedeschi, si teme uno scontro frontale, decisivo, che travolga Roma con tutta la sua realtà umana, storica, archeologica e di fede. Il timore è grandissimo.

L'appello di Pio XII

In quell'anno la festa titolare del Santuario del Divino Amore cade il 28 maggio, e Papa Pio XII invita tutti i romani a pregare la Madonna, ad affidarsi a Lei perché Roma venga risparmiata da questo scempio fratricida. Tra gli amici e gli ex-allievi di don Orione che accolgono le parole del Pontefice, presente anche Giovanni Battista Montini, futuro Paolo VI: “Ma il voto - domanda e suggerisce - volete farlo voi o volete farlo fare alla città?”. La risposta è unanime, tutta Roma sarà coinvolta.

Il voto di tutta la città

Sguinzagliati per le vie e per le piazze di Roma, i giovani della Congregazione fondata del Santo canonizzato da Giovanni Paolo II nel maggio 2004, riescono a raccogliere un milione e 100 mila firme. Con Giovanni Battista Montini, futuro Paolo VI, come promotore e intermediario, la lunga lista viene fatta recapitare in Vaticano e, in pochissimi giorni, si ha il via libera. Il 4 giugno del 1944, nella chiesa di Sant’ Ignazio, viene pronunciato il voto dal decano dei prefetti di Roma. La capitale è risparmiata così come la sua gente che non dimenticherà di adempiere le promesse fatte alla Vergine 'Salus Populi Romani'.

Roma è risparmiata, le parole del Papa

La domenica seguente, l’11 giugno, lo stesso Pio XII si reca nella chiesa di Sant’Ignazio, ‘ai piedi di Maria, Madre del Divino Amore’. Con quel “Diletti figli e figlie”, inizia il suo discorso di ringraziamento alla Madonna:

“ La nostra Madre Immacolata ancora una volta ha salvato Roma da gravissimi imminenti pericoli (...) siamo stati testimoni di una incolumità, che ci deve empire l'animo di tenera gratitudine verso Dio e la sua purissima Madre ”

L'adempimento del voto

La conversione del cuore, un'opera caritativa e un segno di culto. Queste le tre promesse per onorare il Voto fatto e che, con lo sguardo della fede, vennero adempiute con l'aiuto della Provvidenza a partire da una telefonata. A chiamare direttamente la Segreteria di Stato in Vaticano, facendo presente la grave situazione dei numerosi minori soli che vagavano per le strade della città, fu il generale statunitense Mark Clark.

Le tre promesse del Voto alla 'Salus Populi Romani'

 Da qui, il coinvolgimento della Congregazione di don Orione che accettò le due strutture messe a disposizione - ancora oggi Centro dell'Opera e dove sorge appunto la Statua della Madonnina - prendendosi cura di centinaia di orfani e mutilatini. 

La costruzione della Madonnina 'Salus Populi Romani'

Percorsero in lungo e in largo le vie e le piazze della città per trovare quanto più materiale possibile e realizzare una statua dedicata alla Vergine. Ad impegnarsi nella raccolta, ancora i giovani del "Don Orione" dopo che lo scultore Arrigo Minerbi, a cui fu commissionata l'opera, disse: "datemi del rame e vi farò una statua bellissima". Una grande statua che vegliasse sulla città di Roma era dunque il segno di culto scelto per concludere l'adempimento del voto.  

Minerbi, l'artista ebreo e il volto della Madonnina

Salvato dal rastrellamento degli ebrei nell'ottobre '43, grazie alla Piccola Opera di Don Orione, Minerbi accettò con grande entusiasmo l'incarico affidatogli. Ma nel momento di realizzare il volto della Vergine, esitò. Che tratti darle? Pensò allora al detto popolare 'i primogeniti matrizzano' (assomigliano alle madri) e decise quindi di procedere ispirandosi al volto della Sacra Sindone. Di rame, ferro e ottone, ricoperta con la tecnica dei fogli d'oro, la statua è alta 9 metri con una mano che indica il cielo e l'altra protesa in avanti. Dal 3 aprile del 1953 è posizionata sulla collina di Monte Mario. E' bellissima, luminosa per essere vista mentre continua a vegliare sulla città eterna e la sua gente.

 

Lascia un commento
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code  Refresh Ricarica immagine

Salva il commento