Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
Messaggi don Orione
thumb

Aveva 23 anni, nel 1900, quando Gaspare Goggi scrisse questo articolo per il Bollettino "Opera della Divina Provvidenza".

Il Servo di Dio Don Gaspare Goggi è stato un collaboratore della rivista di Congregazione- allora si chiamava Opera della Divina Provvidenza -  con una serie di articoli nei primi anni del Novecento. Di particolare vigore intellettuale e interesse sociale è l’articolo “L’uguaglianza”, pubblicato il 18 febbraio 1900. Goggi aveva 23 anni ed era studente universitario a Torino.

 

E dove sono i vostri dotti, perché io mi converta alla vostra religione? Ho veduto le processioni dei credenti: vecchi imbelli e, fors’anche, imbecilli, donne, ragazzi, disgraziati; ecco i seguaci del cristianesimo e in particolar modo della Chiesa Cattolica. Come mai vuoi che io mi rassegni ad abbracciare una religione che raccoglie i suoi proseliti tra i rifiuti della società?”.

Così diceva a me un giorno, in tono di vittoria e di sprezzo uno studente. 

“Ma sai - presi a dirgli io - che è per lo meno strano che voi, propugnatori di un’uguaglianza assoluta, veniate a parlarci di rifiuti della società? E in che fate consistere la giustizia, che reclamate assoluta sulla terra? Forse nel dare a ciascuno secondo il proprio impegno e la propria dottrina? E allora, abbiate pazienza, voi andate proprio fuori di strada; in cambio di sopprimere quelle, che voi siete costretti a chiamare ingiustizie di natura, stabilite di aumentarle; invece di amare maggiormente, e circondare d’ogni cura, quelli che più furono trascurati dalla sorte, voi li deprimete.

Ah, povera gente, che volete parlar di giustizia, e cominciate col negar Dio, che ne è la base, e la vita futura, che ne forma il compimento! Ascoltate, o traviati, le parole di un Dio alle turbe assetate di pace e di giustizia: «Venite a me, o voi tutti, che siete afflitti e tribolati, ed io vi conforterò; venite a me tutti, saggi e ignoranti, ricchi e poveri, vecchi e giovani, sani e ammalati, amate Iddio e amatevi fra voi; a ciascuno io renderò secondo il proprio merito, e maggiori frutti esigerò da colui al quale sarò stato più largo in benefici; davanti a me non è accettazione di persone».

Ecco l’unico fondamento della giustizia; fuori del Cristianesimo, il nominare cosa sì santa è una profanazione. Amate voi sinceramente l’uguaglianza? Ebbene, la unica via che ad essa possa condurvi senza aberrazioni e, sopra tutto, senza ingiustizia, è quella tracciata da Cristo”.

Lascia un commento
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code  Refresh Ricarica immagine

Salva il commento

thumb
Buonanotte del 16 novembre 2019