Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
Messaggi don Orione
thumb

Don Orione ricorda il Beato; era presente alla sua vestizione religiosa.

Beato Augusto Czartoryski

 

Flavio Peloso

Il 2 agosto si celebra la memoria del beato Augusto Czartoryski, salesiano polacco. Don Orione conobbe personalmente questo Beato, a Valdocco (1886-1889), ove erano presenti numerosi ragazzi polacchi che studiavano e miravano ad entrare nella congregazione salesiana. Tra questi era stato particolarmente impressionato dal principe Augusto Czartoryski  il quale, nonostante l’opposizione della propria famiglia, aveva seguito la sua vocazione alla vita religiosa e al sacerdozio.

Don Orione fu testimone della sua vestizione religiosa. “Quando Don Bosco era ancora in vita assistetti ala vestizione clericale di un giovane Principe Polacco, del quale oggi è in corso la causa di beatificazione. E’ questi il Principe Augusto Czartoryski” (Buona notte del 23 aprile 1939).

Augusto Czartoryski nacque a Parigi da genitori polacchi il 2 agosto 1858. La famiglia, da tre decenni, si era stabilita in Francia quando, dopo lo rivoluzione del 1830 e la confisca dei beni, era stata posta al bando dalla Russia. Augusto perse la mamma a sei anni di tubercolosi, malattia che trasmise al figlio. Augusto cercò inutilmente di curarsi, viaggiando in Svizzera, Italia, Spagna ed Egitto. A Parigi soffriva lo stile di vita della nobiltà e la sua esistenza cambiò grazie all'incontro con don Bosco. Entrò nella Congregazione salesiana a Torino nel 1886, il medesimo anno in cui giunse a Valdocco anche il giovane Luigi Orione. A causa della malattia fu mandato a completare gli studi in Liguria dove venne ordinato sacerdote a San Remo il 2 aprile 1892. La sua vita sacerdotale durò un solo anno, ad Alassio nel Savonese. Morì infatti a 34 anni, l'8 aprile 1893. È stato beatificato a Roma da Giovanni Paolo II il 25 aprile 2004. Nell’omelia lo presentò così.

“Augusto Czartoryski, giovane principe, ha elaborato un efficace metodo di discernimento dei disegni divini. Presentava a Dio nella preghiera tutte le domande e le perplessità di fondo e poi nello spirito di obbedienza seguiva i consigli delle sue guide spirituali. Così ha compreso la sua vocazione di intraprendere la vita povera per servire i più piccoli. Lo stesso metodo gli ha permesso, nel corso di tutta la vita, di compiere scelte tali, che oggi possiamo dire che egli ha realizzato i disegni della Provvidenza Divina in modo eroico. Voglio lasciare l’esempio della sua santità soprattutto ai giovani, che oggi cercano il modo di decifrare la volontà di Dio nei riguardi della loro vita e desiderano ogni giorno procedere fedelmente secondo la parola divina. Miei cari giovani amici, imparate dal beato Augusto a chiedere ardentemente nella preghiera la luce dello Spirito Santo e guide sagge, affinché possiate conoscere il piano divino nella vostra vita e siate capaci di camminare sempre sulla via della santità”.

Lascia un commento
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code  Refresh Ricarica immagine

Salva il commento