Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
THE CHARISM OF DON ORIONE: SOMETHING BEAUTIFUL IN THE CHURCH (English)

IL CARISMA DI DON ORIONE: QUALCOSA DI BELLO NELLA CHIESA (Italiano)

Consulta anche:
CARITA': La migliore apologia della fede cattolica" /> Messaggi don Orione
thumb

In questa pagina:
THE CHARISM OF DON ORIONE: SOMETHING BEAUTIFUL IN THE CHURCH (English)

IL CARISMA DI DON ORIONE: QUALCOSA DI BELLO NELLA CHIESA (Italiano)

Consulta anche:
CARITA': La migliore apologia della fede cattolica


THE CHARISM OF DON ORIONE:
SOMETHING BEAUTIFUL IN THE CHURCH




Question: Don Orione, you are a man about whom everybody is speaking. You are a big hearted priest. From you a miraculous work for the good of all came into being. Orphanages, colleges, parishes, seminaries, social centres, missions, “Little Cottolengo (Piccoli Cottolengo)” can now be found throughout Italy as well as abroad, in Brazil, Argentina, Uruguay, Poland, Palestine, Rhodes... How do you define your work?

Answer: I don’t know. I am tempted to call it a load of trouble ...; we keep going on like a train, puff puff, trusting in God and in his Church, certain that we are serving Christ in the most needy cases. For me, I think that the Lord chose me because he could not find anyone else on earth more wretched and incapable than I, so that it would appear clearly that it is he who does everything.


Q.: Yes, Don Orione, and this train of charity, between puffs and jolts, carries on speedily and beneficially. Everyone says: Don Orione, the Pope’s man and the Church’s man. Don Orione, the man for the poor and for those far from God. Pope - Poor: is this the track your train runs on?

A.: You see, that which is good is liked by everyone, even by those who are evil. We live in a century which is full of chill and death in the life of the spirit. Everything closed in on itself, nothing to be seen except pleasure, vanity and passion. Life on earth and nothing more. Only the breath of the charity of Jesus Christ can give life to this generation which is dead to the life of God. The face of the earth will be renewed by the heat of spring, but only the heat of charity can give new life to the world of morals.
We will have a great catholic renewal if we have great charity. The cause of Christ and of his Church make use only of great charity of life and works. Charity restores everything, edifies everything, unifies everything in Christ and in his Church.



Q.: Today, in pastoral programs, the indivisable ideas of “evangelisation and the witness of charity” are emphasized.

A.: Speeches have now become useless. Jesus demonstrated his heavenly doctrine by healing men and by the multiplication of bread. If we want to be believed and do good, we must heal people by generously sowing the love of God and of man and by multiplying the life of Christ in all humanity by works of charity and by sowing our life, even sacrificing ourselves so that Christ may live again in his divine Charity.


Q.: Let’s go back to you. Recently during a convention at the Catholic University of Milan on the theme of your social and ecclesial work, a scholar practically negated your apostolic originality: substantially you did not have an original project: you followed historical opportunities. You began with the boys and the school of San Bernardino in Tortona, then came the agricultural colonies, then the missions, then more recently more importance was given to charitable work in favour of orphans, the disabled, the elderly and marginalised of society. You confronted many diverse social and ecclesial problems: education, assistance, the world of work, the press, ecumenism, even the recovery of “lapsed” priests. With your Little Work you did everything and you want to do everything!

A.: I think I should say something which will overcome the objections made, or which may be made in the future, about the Institute for its universal nature in carrying out works of mercy and also something should be said about its uniqueness with regards to all the other religious Institutes, even though I feel that this is unnecessary. The objection that too many tasks have been taken on by this Work of Divine Providence rests on a false premise. The false premise is that this Institute intends to carry out every work of mercy without distinction and all at once. This is not true. The Institute has only one particular activity which it intends to do, and no other, and that is the sanctification of the members who make up the Institute, by the shedding of a sweet love for the Holy Father among the Christian People.


Q.: How do you say that the “means” - as long as they are works of charity for the poor - go well, while it is the “end” which better defines your charism in the Church.

A.: Our particular and special aim is to diffuse the doctrine and the love of Jesus Christ, of the Pope and of the Church, especially among the people: to lead and unite the sons of the people and the working classes with a sweet and tight bond of the mind and the heart to the Apostolic See, in which, according to the words of Crisologo, ‘Blessed Peter lives, presides and gives the truth of the Faith to whoever asks for it’. (Epist. Ad Eutic. 2). And all of this by means of the apostolate of charity among the least and the poor of the people, through those Institutions and Works of mercy most suitable for the Christian education and formation of the sons of the people and to guide the multitudes to Jesus Christ and his Church.
The means: today agriculture, tomorrow industry, then art, school, the press; but the aim: that is the love of God and of the Pope in the heart of the least, of the poor and of those afflicted with every sickness and pain. We defend the head of the Church and we will save the body.



Q.: Dear Father, you like to define your religious as the “Jesuits of the people”, because as Jesuits they must have the same passion for the unity of the Church with the Pope and the Bishops, but dedicating themselves above all else - exclusively - to the poor and the simple people.

A.: Yes. Our ideal is to be the porters of God and the Jesuits of the people. The Congregation is for the poor,only for the poorest of the poor. This I say and insist on so as to map out our itinerary. If this doesn’t come about it will become the desert around the Church. The Church has always cared for the poor and people believe that the Church is their stepmother. We must care for the sons of the workers, for the poor, for the abandoned. The Congregation is for these people, only for these.
The working people were, in part, seduced by ill-omened propaganda, by anti-Christian naturalistic and subversive theories, which drove them away and kept them increasingly in disharmony with the family and country... Some people sow darnel and poison souls; some work to make workers enemies of God and the Church... In the light of the risen Christ and under the leadership of its legitimate pastors, we must promote a powerful activity of Christian penetration especially among the people, we must work to bring back to Jesus Christ and to the Church the humble classes, the mass of workers, so completely surrounded.



Q.: You share this charismatic passion - to bring the least, the poor, the people to the Church and to the Pope, to ‘instaurare omnia in Christo’ , by means of works of charity - with the Little Work of Divine Providence, founded by you, and made up of religious, priests, hermits, active and contemplative sisters, lay people. Have you any particular recommendations for them that you would like to emphasize?

A.: I personally feel that soon I will go. It is up to you to maintain the Congregation and not allow it to lose the spirit of a life which is humble, poor, mortified and ardent with charity and sacrifice, which must animate it and make it prosper for the glory of God and his holy Church. You are the founders. I am nothing more than an older brother, called first in time by divine mercy; but you are the ones who keep the houses going, who give the Congregation its appearance. We must be an apostolic force in the world, a doctrinal force in defence of the Church, something new and beautiful! /I>
Would it not seem really useless that a new Congregation was formed in the Church of God, if it did not give greater glory to God, if it did not give us our sanctification, if it did not bring to the world a breath, I would say, both new and stronger, of the love of God and of men?



From the book: DON ORIONE. INTERVISTA VERITA’,
by Fr Flavio Peloso, Ed. San Paolo, Cinisello Balsamo, 1997, pp. 25-30





IL CARISMA DI DON ORIONE:
QUALCOSA DI BELLO NELLA CHIESA


Intervista a Don Orione



Domanda: Don Orione, lei è un uomo di cui tutti parlano, un prete dal cuore grande. Un'opera meravigliosa di bene ha preso da lei inizio. Orfanotrofi, collegi, parrocchie, seminari, centri sociali, missioni, "Piccoli Cottolengo" si incontrano ormai in tutta Italia e all'estero, in Brasile, Argentina, Uruguay, Polonia, Palestina, Rodi ... Lei come definisce la sua opera?
Risposta: Non lo so: sarei tentato di definirla un pasticcio ...; noi andiamo avanti come il treno, puf puf, confidando in Dio e nella sua Chiesa, certi di servire Cristo nei più bisognosi. Quanto a me, penso che il Signore mi ha scelto perché non ha trovato nessuno sulla terra più misero e incapace di me, affinché risulti chiaro che è Lui che fa tutto. (1)

D.: Sì, Don Orione, e questo treno della carità, tra sbuffi e scossoni corre veloce e benefico. Tutti dicono: Don Orione, l'uomo del Papa e della Chiesa. Don Orione, l'uomo dei poveri e dei lontani da Dio. Papa - Poveri: è questo il binario su cui corre il suo treno?
R.: Il bene, vedete, piace a tutti, anche ai cattivi. (2) Noi viviamo in un secolo che è pieno di gelo e di morte nella vita dello spirito. Tutto chiuso in se stesso, nulla vede che piaceri, vanità e passioni e la vita di questa terra e nulla più. Chi darà vita a questa generazione morta alla vita di Dio se non il soffio della carità di Gesù Cristo? La faccia della terra si rinnova al calore della primavera, ma il mondo morale solo avrà vita nuova dal calore della carità.
Avremo un grande rinnovamento cattolico, se avremo una grande carità. La causa di Cristo e della Sua Chiesa non si serve che con una grande carità di vita e di opere. La carità tutto ristora, tutto edifica, tutto unifica in Cristo e nella sua Chiesa. (3)


D. Nei piani pastorali, oggi, si sta insistendo molto sul binomio "evangelizzazione e testimonianza della carità".
R. I discorsi sono ormai inutili. Gesù dimostrava la sua celeste dottrina guarendo gli uomini e moltiplicando i pani. Noi se vogliamo essere creduti e fare del bene, dobbiamo guarire i popoli seminando a piene mani l'amore di Dio e degli uomini e moltiplicando la vita di Cristo in tutta l'umanità con opere di carità e seminando la nostra vita spingendoci fino al sacrificio di noi stessi per far rivivere Cristo nella sua divina Carità. (4)

D. Torniamo a lei. Recentemente, durante un convegno all'Università Cattolica di Milano dedicato alla sua opera sociale ed ecclesiale, uno studioso ha praticamente negato una sua originalità apostolica: in fondo, lei non avrebbe avuto un progetto originale: ha seguito le opportunità storiche. Ha cominciato con i ragazzi e la scuola di San Bernardino a Tortona, è passato alle colonie agricole, si è aperto alle missioni, negli ultimi anni è prevalso l'indirizzo caritativo verso orfani, handicappati, vecchi ed emarginati. Ha affrontato problemi sociali ed ecclesiali i più diversi: educazione, assistenza, mondo del lavoro, stampa, ecumenismo, perfino il recupero dei preti "lapsi". Lei, con la sua Piccola Opera, ha fatto e vuol fare proprio di tutto!
R. Mi pare di dover dire una parola che sciolga l'obiezione che si è fatta, che sarà fatta forse in avvenire, all'Istituto per la sua universalità nell'esercizio delle opere di misericordia, e una parola pure della sua singolarità da tutti gli altri Istituti religiosi, questo non perché ne veda il bisogno. L'obiezione delle troppe incombenze che si propone di assumere questa Opera della Divina Provvidenza riposa sopra un falso supposto. Il falso supposto è che questo Istituto si proponga tutte le opere di misericordia indistintamente e ad un tratto: ciò non è al tutto vero. L'Istituto ha un'opera sola determinata che si propone, e quanto a sé non si propone null'altro, e questa opera è la santificazione dei membri, dei quali l'Istituto si compone, con lo spargere nel popolo cristiano un amore dolcissimo al Santo Padre. (5)

D. Come dire che i "mezzi" - purché siano opere di carità per i poveri - van tutti bene, mentre è il "fine" che più specifica il suo carisma nella Chiesa.
R. Nostro fine particolare e speciale è diffondere la dottrina e l'amore di Gesù Cristo, del Papa e della Chiesa, specialmente nel popolo: trarre ed unire con un vincolo dolcissimo e strettissimo di tutta la mente e del cuore i figli del popolo e le classi lavoratrici alla Sede Apostolica, nella quale, secondo le Parole del Crisologo, 'il Beato Pietro vive, presiede e dona la verità della Fede a chi la domanda'. (Epist. ad Eutic. 2). E ciò con l'apostolato della carità tra i piccoli e i poveri, mediante quelle Istituzioni ed Opere di misericordia più atte alla educazione e formazione cristiana dei figli del popolo e a condurre le turbe a Gesù Cristo e alla sua Chiesa". (6)
Dunque, i mezzi: l'agricoltura oggi, domani sarà l'industria, l'altro sarà l'arte, sarà la scuola, sarà la stampa; ma il fine: è l'amore di Dio e del Papa nel cuore dei piccoli, dei poveri e degli afflitti da ogni male e dolore. Difendiamo la testa della Chiesa e ne salveremo il corpo". (7)


D. Caro Padre, a lei piaceva definire i suoi religiosi i "Gesuiti del popolo", perché dei Gesuiti devono avere la stessa passione per l'unità della Chiesa con il Papa e i Vescovi, però occupandosi soprattutto - esclusivamente? - dei poveri e del popolo semplice.
R. Sì. Il nostro ideale è essere facchini di Dio e Gesuiti del popolo. La Congregazione è per i poveri, solo per i poveri i più poveri. Dico questo e insisto per tracciare il solco. Se no succederà che si farà il deserto attorno alla Chiesa. La Chiesa ha sempre curato i poveri ed il popolo crede che la Chiesa sia sua matrigna. E' dei figli degli operai che dobbiamo curarci, dei poveri, degli abbandonati. La Congregazione è per questa gente e solamente per questa. (8)
Le masse operaie furono, in parte, sedotte da una propaganda nefasta, da teorie anticristiane naturaliste e sovversive, che le allontanarono e le vanno disamorando ogni dì più dalla famiglia e dalla patria... v'è chi semina zizzania e chi avvelena gli animi; v'è chi lavora a voler fare dell'operaio un nemico di Dio e della Chiesa... Nella luce di Cristo risorto e sotto la guida dei legittimi pastori, dobbiamo promuovere una forte opera di penetrazione cristiana specialmente tra il popolo, lavorare a riportare a Gesù Cristo e alla Chiesa le classi degli umili, le masse dei lavoratori, tanto insidiate". (9)


D. Lei sta condividendo questa passione carismatica - portare i piccoli, i poveri, il popolo alla Chiesa e al Papa, per 'instaurare omnia in Christo, mediante le opere della carità - con la Piccola Opera della Divina Provvidenza, da lei fondata, e formata da religiosi, preti, eremiti, suore attive e contemplative, laici. C'è qualcosa che raccomanda loro con particolare insistenza?
R. Io, per me, sento che forse presto me ne vado. Tocca a voi mantenere la Congregazione e non lasciare che si perda lo spirito di una vita umile, povera, mortificata e ardente di carità e di sacrificio, che la deve animare e far prosperare a gloria di Dio e della santa Chiesa. (10)
I fondatori siete voi, io non sono che un fratello maggiore, chiamato prima per divina misericordia in ordine di tempo; ma che fate andare avanti le case siete voi, che date il volto alla Congregazione siete voi. Noi dobbiamo essere una forza di apostolato nel mondo, una forza dottrinale a difesa della Chiesa, qualche cosa di nuovo e di bello! (11)
E non ti pare fosse proprio inutile che si venisse formando una nuova Congregazione nella Chiesa di Dio, se non era per dare a Dio una maggiore gloria? Se non era per la nostra santificazione, se non era per portare nel mondo un soffio, direi, nuovo e più potente di amore di Dio e degli uomini? (12)


D. Lei ha voluto questa forte identificazione anche nelle attività. Leggo nei miei appunti che a Lonigo, nel Veneto, il nuovo Arciprete voleva trasformare il suo Oratorio popolare e papalino in una scuola-ginnasio, per chi poteva pagare. E lei cedette una stanza, poi due e poi... diede ordine di ritirarsi piuttosto che cambiare fisionomia. E così fu. (13) Cosa simile avvenne per l'Istituto Camerini Rossi di Padova, poi per Prunella Calabra. Così ritirò i chierici che collaboravano col venerabile Canonico Bughetti a Imola. Ritirò le Suore dall'orfanotrofio Celesia di Como, perché la Benefattrice ne condizionava troppo l'azione. E ciò avvenne anche per altri Istituti: tutto e sempre fatto in pace, chiarezza e carità. Ma perché tanta rigidità, lei che sa accettare e valorizzare sempre tutto e tutti?
R. Dobbiamo essere disposti anche a rinunciare a vantaggi economici ma non siamo disposti a rinunciare ad una sola oncia del nostro spirito di fondazione per tutto l'oro del mondo... Se noi vediamo da anni ch'è il Signore che ha suscitato quest'Opera, e che la sua Divina Provvidenza la tiene su malgrado i nostri grandi peccati! Dobbiamo guardarci bene dal voler cambiare lo spirito onde essa è nata, e cambiarle l'impronta che Nostro Signore pare ci abbia dato. Ah, per carità, ci sono già i miei tanti e gravi peccati; cerchiamo di tenere ben fermo lo spirito religioso e di conservarlo e tramandarlo a quelli che la Divina Provvidenza ci manderà nella sua misericordia". (14)


N O T E
________________________________________

1. Don Luigi Orione. Lettere (2 voll.). Postulazione della Piccola Opera della Divina Provvidenza, Roma, 1969; (sarà citato L I, II); L II, 463-464.

2. Don Orione alle Piccole Suore Missionarie della Carità. Tipografia San Giuseppe, Tortona, 1979; (sarà citato Alle PSMdC); p.58.

3. Sui passi di Don Orione, Ed. Dehoniane, Bologna, 1996 (sarà citato Sui passi), p.263-264; cfr. Alle PSMdC 14.

4. Scritti di Don Orione, Archivio generale, Roma; (sarà citato: Scritti); 55, 165-166.

5. Scritti 72, 185.

6. I Capitolo Costituzioni n.3 (autografo 22.7.1936), Sui passi 295-296.

7. Scritti 52, 8s; Lo spirito di Don Orione. Dai suoi scritti, dalla sua parola, presentato ai suoi religiosi, Ed. Don Orione, Roma; (collana a temi, sarà citato: Lo spirito); I, 43-44.

8. Don Orione nella luce di Maria, Ed. Postulazione della Piccola Opera della Divina Provvidenza, (4 voll.), Roma, 1969; (sarà citato: DOLM); p.1591; Riunioni, Archivio generale, Roma, p.179.

9. Scritti 94, 258.

10. L I, 57ss.

11. Lo spirito I, 75.

12. Parola di Don Orione (trascrizione di discorsi, in Archivio generale; sarà citato: Parola; VIII, 92.

13. Scritti 11, 21, 49 e 68.

14. Scritti (15.10.1918); Summarium, (atti del processo di beatificazione, in Archivio generale), p.867.



Don Orione. Intervista verità
A cura di Flavio Peloso, Ed. San Paolo, Cinisello Balsamo, 1997.

Lascia un commento
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code  Refresh Ricarica immagine

Salva il commento

thumb
Buonanotte del 13 dicembre 2019