Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
Messaggi don Orione
thumb
Autore: Flavio Peloso

La virtù fu vissuta da Don Orione in modo eroico.

LA VIRTU' DELLA FEDE

 


Negli atti del processo di beatificazione di Don Orione è riportato il ricordo di un episodio assai idoneo ad introdurre la lettura di questa selezione di testi sull'argomento della fede.
"Ancora vivente Don Orione, tra i confratelli ci si era posto il quesito quale fosse l'aspetto più profondo, giusti­ficativo di tutta la vita e l'azione del nostro Padre; le risposte furono varie, ponendo la spiegazione del 'fenomeno' Don Orione alcuni nella carità, altri nella sua pietà, altri in altri particolari della sua personalità; ad un certo punto intervenne a metterci zitti e d'accordo il compianto Don Biagio Marabotto che ci chiese: 'Ma dite: che cos'è che spiega tutto in Don Orione?... Non è Dio? Ecco cos'è, soprat­tutto, Don Orione: un uomo che vive di Dio".[1]

Questo aneddoto ci suggerisce il giusto atteggiamento interiore per leggere con profitto questo volumetto: ci mettiamo in ascolto di un testimone della fede, di un uomo che ha vissuto di Dio. Infatti, gli scritti e i discorsi di Don Orione sono nati dalla sua vita, molto prima che dalla sua penna o dalle sue labbra.
Tutta la vita di Don Orione si svolgeva in un'atmosfera soprannaturale, protesa a procurare la gloria di Dio e il bene delle anime con l'esercizio della carità (n.1). La sua fede traspariva dagli scritti, dai discorsi e dalle opere. La fede era la sua vita. "Per la fede, per il Papa e la Chiesa ben poco sarebbe il mio sangue, e ben volentieri vorrei poter dare mille e mille volte al minuto tutta la mia vita".[2]

Don Orione non teorizzò sulla fede: visse di fede. Quando parlava della fede il suo linguaggio era caldo, appassionato, di contenuti dottrinali ed esistenziali semplici, sicuri, convincenti. Abbiamo una famosa lettera della fede (n.2) che è come un piccolo trattato: vi espone il suo insegnamento in modo quasi sistematico, con ampio respiro biblico, teologica­mente preciso, asceticamente pratico.

Nel suo realismo, l'umile Figlio della Divina Provvidenza sapeva come l'esperienza del limite umano, del "nulla", del dolore preparino l'anima ad accogliere e a custodire "il gran dono della fede". Raccomandava perciò di vivere e di cammina­re "per mysterium Crucis" (n.3, 4, 5, 6, 7, 8). Sorgente ed anche frutto della sua fede era lo spirito di preghiera che alimentava la vita di unione con Dio e che "trasforma in oro tutto quello che si fa" (n.9, 10). Il suo vivere era così un continuo muoversi con Dio, in Dio e per Dio, in una attività sorprendente, senza soste, in uno "stato di permanente ebbrezza spirituale".[3]

Don Orione coinvolgeva quanti lo avvicinavano in una "vita di vivissima fede", meravigliosa e semplice, senza sentimen­talismi o razionalismi autocentrici (n.11, 12, 13). Una fede-olocausto che "conglutina" (quanto gli piaceva questa paro­la!) a Dio: "Chi vive di fede, è come partecipe della natura divina, secondo la espressione di San Pietro: 'Divinae con­sortes naturae'".[4]

La fede di Don Orione, come è ben noto, si esprimeva so­prattutto come incrollabile fiducia nella Divina Provvidenza (n.14, 15, 16, 17), come adesione totale, filiale alla volon­tà di Dio (n.18), come zelo per l'annuncio di Cristo, del suo Vangelo, della sua Chiesa (n.19, 20).

Ascoltando gli insegnamenti di Don Orione saremo introdotti ad una "fede che fa della vita un apostola­to fervido in favore dei miseri e degli oppressi, com'è tutta la vita e il Vangelo di Gesù Cristo... quella fede divina, pratica e sociale del Vangelo, che dà al popolo la vita di Dio e anche il pane... E deve essere una fede appli­cata alla vita. Ci vuole spirito di fede, ardore di fede, slancio di fede; fede di amore, carità di fede, sacrificio di fede!" (n.21).
Anche l'apostolato è essenzialmente una questione di fede: "Che cosa manca un po' a tutti, a noi tutti, oggi, per ado­prarci, nel nome di Dio e in unione con Cristo, a sal­vare il mondo e ad impedire che il popolo si allontani dalla Chie­sa? Che cosa ci manca, perché la cari­tà, la giustizia, la verità non siano vinte, e non rientrino nel seno di Dio, maledicendo all'umanità, che avrà rifiutato di dare il suo frutto? Ci manca la fede!... Se vogliamo oggi lavorare utilmente al ritorno del secolo verso la luce e la civiltà, al rinnovamen­to della vita pubblica e privata, è necessario che la fede risu­sci­ti in noi e ci risvegli da questo sonno "che poco è più che morte"; è necessaria una grande rinascenza di fede, e che escano dal cuore della Chiesa nuovi e umili discepoli del Cristo, anime vibranti di fede, i facchini di Dio, i semina­tori della fede!"[5] (n.22, 23).

Un'accentuazione tipica di Don Orione a riguardo della fede è l'esperienza del vitale e reciprocamente arricchente dina­mismo di fede e carità: "la fede muove alla carità" e "le opere della carità aprono gli occhi alla fede" (n.24).
Quell'intelligenza, quell'audacia e quell'efficacia di azione - che tanti ammiravano in Don Orione - erano i frutti della sua ricerca costante di vedere le cose "dal punto di vista di Dio", alla luce della fede, e dell'agire nelle mani di Dio, da umile collaboratore e servo della Divina Provvi­denza. "Chi fa tutto è la Divina Provvidenza" (n.25, 26, 27, 28, 29).

La fede di Don Orione era la fede della Chiesa, fondata e ed edificata sulla verità della Sacra Scrittura, infallibil­mente insegnata dal Magistero del Papa e dei Vescovi; una fede radicata nella grande tradizione costellata di martiri e di santi (n.30, 31, 32, 33, 34); una fede che gli era tanto cara da abbracciarla fermamente e integralmente nei suoi contenuti, fino a fargli esclamare in un frangente delicato: "Non venderò una virgola sola della mia fede per nessun piatto di lenticchie" (n.35). L'inscindibile legame tra fede e assoluta adesione di mente e di cuore al magistero del Papa e dei Pastori della Chiesa ("la mia fede è la fede del Papa, la fede di Pietro") è un'altra caratteristica qualificante la fede vissuta da Don Orione.

A questa fede educò i piccoli, i poveri, il popolo, i laici e i sacerdoti che incontrò lungo il suo cammino e, soprattut­to, a questa fede educò i suoi religiosi della Piccola Opera della Divina Provvidenza ai quali, come un ritornello, spesso diceva e, a volte, gridava: "Figlio della Divina Provvidenza vuol dire figlio della fede!" (n.36)
Il vescovo Mons. Felice Cribellati, uno dei primi alunni di Don Orione, ricordava del suo maestro "una fede soprannatura­le viva, fattiva; una fede che egli sapeva trasmettere e trasmetteva realmente in quanti lo avvicinavano. Dopo una conversazione avuta con lui, lo spirito si sentiva come sollevato e inebriato".[6] Questo effetto si prolunghi ancora attraverso la lettura di queste sue pagine. E' l'augurio. Don Orione interceda!

Il testo è stato pubblicato come “Introduzione” a Lo spirito di Don Orione, vol.6, La fede, p.9-13
I numeri tra parentesi tonde rinviano ai brani contenuti nel volume Lo spirito di Don Orione, vol.6, del quale riportiamo l'INDICE.

I. Dio solo!
II. Lettera della fede
III. La grande missione del dolore
IV. Lieti di soffrire
V. Fede nella prova
VI. Noi siamo nulla
VII. Per mysterium crucis
VIII. "Non ha Gesù?"
IX. Il segreto di tutto: la preghiera
X. Silenzio e unione con Dio
XI. Vita di vivissima fede
XII. Fede! Fede! Fede!
XIII. Chierici di fede
XIV. Confidate nella Divina Provvidenza
XV. Fede, ma di quella!
XVI. La Divina Provvidenza spiega tutto
XVII. "Non c'è crisi"
XVIII. Una piccola parola: fiat!
XIX. Avanti con fede vivissima
XX. Fede e opere
XXI. Piu fede!
XXII. Se manca la fede al popolo...
XXIII. Fede, primo rimedio ai problemi sociali
XXIV. "Le opere della carità aprono gli occhi alla fede
XXV. Chi fa tutto è la Divina Provvidenza
XXVI. Fede grande, fede benefica
XXVII. Né temerarietà, né scoraggiamenti
XXVIII. Sempre verso l'alto
XXIX. Il coraggio che viene dalla fede
XXX. La Sacra Scrittura è scuola di vita
XXXI. Fede fondata sulla roccia sicura
XXXII. La teologia, scienza divina
XXXIII. Più fede che erudizione
XXXIV. Rispetto delle sacre e vetuste immagini
XXXV. "Non venderò una virgola sola della mia fede per nessun piatto di lenticchie"
XXXVI. Figli della Divina Provvidenza - Figli della fede


NOTE
-------------------------------------------

[1] Ex processu, p.993.

[2] Scritti 49, 120.

[3] Cfr. G. De Luca, Don Orione, Roma, 1963. p.35.

[4] Scritti 31, 215.

[5] Cfr. Bollettino Madonna della Guardia, Febbraio 1919.In "Più fede! [6] Testimonianza di Mons. F. Cribellati. Ex processu, p.36.



Vedi anche la virtù della SPERANZA e la virtù della CARITA'

 

Lascia un commento
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code  Refresh Ricarica immagine

Salva il commento

thumb
Buonanotte del 9 dicembre 2018