Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
Messaggi don Orione
thumb
MLO

Nella foto: Meeting del Movimento Laicale, Pontecurone, agosto 2008.
Autore: Giovanni Marchi



DON ORIONE E LA VOCAZIONE LAICALE

di Giovanni Marchi

 

Nel progetto educativo del suo primo collegio prima a San Bernardino e poi a Santa Chiara Don Orione impegna subito dei laici, sia persone importanti come il maestro di musica del duomo di Tortona Giuseppe Perosi e i suoi figli che diverranno il cardinale Carlo, il grande musicista Lorenzo e il maestro Marziano, sia gente più umile per i servizi di casa e di cucina, come il cuoco Pasqualone. Ricordo negli anni 30-40 la mite figura del buon Barbarossa, ospite-collaboratore nelle sue case, incaricato tra l'altro di accompagnare al pianoforte la proiezione dei films muti al San Giorgio di Novi e al Dante di Tortona, e fino agli anni '50 la premurosa e infaticabile attività del buon Milanese in libreria e nel servizio a mensa al San Filippo di Roma.

L'apertura di Don Orione verso i laici, per incitarli all'apostolato in forma diretta e comunitaria, è testimoniata nei primi anni dall'istituzione delle “dame della Provvidenza”, a Torino.

E fino agli ultimi anni di vita Don Orione è spesso circondato da laici, l'avv. Boggiano Pico, l'ing. Marengo, il gen. Beaud, il conte Ravano, il sen. Cavazzoni, il prof. Isola, il geom. Bianchi, il maestro Gaspare Rocca, confermati nell'impegno laicale, anche per mezzo di lettere. E pochi mesi prima di morire Don Orione predicò un ritiro a Villa Sorari di Genova l'11- 13 novembre 1939 a un gruppetto di laici, tra cui c'erano l'ing. Guala, l'avv. Castello, il rag. Giulietti, gli allora studenti universitari Terzi e Zambarbieri.

Don Orione nella prima riunione dei suoi sacerdoti del 2-4 settembre 1912 aveva deciso: “Ogni Casa deve avere l'Associazione degli Antichi Allievi” e pensava d'invitarli tutti a Tortona nel 1913, quando doveva tornare in possesso della casa di San Bernardino.
La prima grande guerra impedì quell'incontro, ma nel 1920, per il suo venticinquesimo di messa, Don Orione volle indire la loro prima assemblea per ringraziare insieme il Signore. Avverrà lo stesso per il quarantesimo, quando Don Orione riunirà attorno a sè, prima di partire per l'America, i suoi ragazzi dell' oratorio San Luigi, di San Bernardino, del Santa Chiara, del Convitto Paterno, oltre a quelli degli istituti di Noto, di San Remo, di Cuneo e delle altre case dell'Opera, il 27 maggio 1934, nel grande raduno generale di fondazione dell'Associazione Ex Allievi. Da allora furono fissati i suoi scopi che sono: vivere la vita cristiana ed esserne apostoli, attuare gli ideali del fondatore, di fedeltà alla Chiesa, al Papa e ai Vescovi, e di servizio ai poveri.

Gli Amici di Don Orione sorsero ancora vivente il fondatore, che negli ultimi anni di vita andava ogni martedì a Milano e ogni giovedì a Genova, per ricevere quanti venivano da lui, per ricevere e fare del bene, e si costituirono in Gruppi nelle varie case nella primavera del 1940, quando il senatore Stefano Cavazzoni ebbe l'ispirazione di continuare gl'incontri, con il fine di custodire il patrimonio di fede e carità lasciato dal padre.

Il Servizio Esperti Volontari (SEV) Orione 84 è un organismo non governativo di volontariato, che intende cooperare allo sviluppo dei paesi e dei popoli e diffondere la cultura del dialogo e della solidarietà, riconosciuto dal Ministero degli Esteri con decreto dell'8 aprile 1991 e reso idoneo a svolgere attività per la realizzazione di programmi a breve e medio periodo nei paesi in via di sviluppo, per la selezione, formazione e impiego dei volontari in servizio civile e per l'informazione. Il Movimento Orionino di Volontariato (MOV) è un'Associazione costituitasi ne 1993, che intende impegnare tutti i membri a mettere generosamente a titolo gratuito il proprio tempo e le proprie capacità, con spirito cristiano e atteggiamento di solidarietà, a servizio di chi ha bisogno. L'AINA (Associazione Italiana Nomadi dell'Amore) è nata a Roma recentemente nell'ambito della Casa generalizia delle Suore Orionine per dare il proprio prezioso contributo in terra di missione, in Africa soprattutto, ma anche in Italia, aiutando gli extracomunitari e assistendoli nelle loro prime necessità.

Pagine utili:

Movimento Laicale Orionino
Messaggio di Giovanni Paolo II al Movimento Laicale Orionino
Piccola Opera della Divina Provvidenza: identità e struttura

 

 

Lascia un commento
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code  Refresh Ricarica immagine

Salva il commento