Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
Messaggi Don Orione
thumb

Nella foto: Padre Giovanni Messina con Suore e Orfani, a Palermo.

Le principali tappe e date che segnarono la vita di Padre Giovanni Messina.

1871, 31 marzo: Giovanni Messina nasce a Palermo (rione Kalsa) da Salvatore e Lo Nigro Rosalia. È battezzato il giorno dopo (1 aprile 1871).

1885–1891: Frequenta l'oratorio San Filippo Neri a l'Olivella (Villa Filippina) dove conclude il ginnasio e il liceo.

1892–1896: Studente di teologia nel Seminario diocesano.

1896, 21 marzo: È ordinato sacerdote nella chiesa di San Gregorio a Porta Carini da S.E. Mons. Giacomo Daddi. Celebra la prima Messa nell'Oratorio San Filippo Neri.

1896, 4 giugno: Riapre al culto una piccola chiesa (Santo Rosario). Inizia il suo apostolato nel rione Sant'Erasmo, nella zona che egli chiama «Africa di Palermo» ; predica in altre zone di Palermo (San Matteo, Cattedrale).

Riattiva la chiesa di Romagnolo, dedicata a San Michele. Riapre al culto la chiesa di Sant'Erasmo annessa alla Casina di villeggiatura del Principe Alessandro Tasca di Cutò, ridotta a teatro per marionette, magazzino e stalla.

1898, 8 settembre: Inizia a raccogliere nei locali che già furono del «Ricovero per l'infanzia abbandonata» alcune bambine per una assistenza giornaliera. È aiutato dalla madre, dalla sorella Nunzia e da alcune terziarie francescane.

1899: Fa pernottare le bambine, assistite dalle terziarie. Intitola l'opera «Casa Lavoro e Preghiera per gli Orfani e Abbandonati». Con la fondazione si stacca dall'opera «Soldo del povero», fondata da don Giuseppe Lachina, cui era succeduto alla morte.

1901, 21 marzo: Furto sacrilego nella chiesa di Sant'Erasmo, retta da Padre Messina. Continua l'attività di predicatore di esercizi, missioni, novene e tridui in Diocesi e fuori Diocesi.

1901, quaresima: A seguito della predicazione a Terrasini recluta le prime collaboratrici risolute a farsi religiose, tra le quali Pierina Vitale, Giovanna La Fata , Maria Antonia Cammarata.

1901, 8 settembre: Inaugurazione della prima «Casa Lavoro e Preghiera».

1901, 16 ottobre: Vestizione con l'abito di terziarie francescane e velo bianco delle prime due collaboratrici.

1902, 19 luglio: Si aggiungono altre collaboratrici: Concettina Calabrese (Madre Chiara, che sarà la prima Superiora ) e Maria Satariano (Madre Ninfa, che sarà la prima Vicaria ).

1904, 9 gennaio: È nominato Rettore della chiesa del Buon Riposo. Apertura di una seconda «Casa Lavoro e Preghiera» ove colloca alcune Terziarie e un gruppo di ragazze.

1905, 8 settembre: Si reca in Calabria, sulle zone del terremoto. Raccoglie orfani e propone al suo Vescovo la costituzione di un Comitato di sacerdoti pro Calabria.

1906: Le difficoltà della fondazione lo spingono a unificare, senza successo, la sua Opera con le Terziarie Francescane Oblate del Sacro Cuore di Messina e quindi con le Figlie di Maria Ausiliatrice di don Bosco.

1906, 28 dicembre: Crolla il campanile della chiesa di Buonriposo sulla «Casa Lavoro e Preghiera». L'evento diventa occasione per una più diffusa conoscenza dell'opera di Padre Messina.

1908: Si reca a Roma per difendere l'esistenza della sua Opera. È ricevuto in udienza da San Pio X. Consigliato dal Card. Alessandro Lualdi porta le sue collaboratrici nella famiglia di Sant'Angela Merici, costituendole in comunità di «Orsoline Congregate». Saranno approvate come Istituto diocesano il 31 marzo 1915.

1908, dicembre: Si reca a Messina in occasione del terremoto; soccorre i feriti e porta con sé un gruppo di orfani.

1915: Accoglie nella sua Opera di Palermo alcuni orfani del terremoto della Marsica.

1915, 31 marzo: erezione canonica da parte del Card. Alessandro Lualdi delle «Orsoline Congregate».

1932: A seguito della alluvione che devasta i quartieri più poveri di Palermo accoglie sinistrati nelle sue case.

1949, 18 maggio: È colpito da emorragia. Perde la parola e per sei giorni è in lotta tra la vita e la morte.

1949, 24 maggio: Alle ore 16,30, senza aver ripreso conoscenza, Padre Messina muore. La salma viene esposta nella sua chiesa del «Corpus Domini».

1949, 26 maggio: Il funerale è un trionfo. Viene trasportato e sepolto nella cripta dei Padri Cappuccini, nel luogo detto «Catacombe».

1950: Per esaudire il suo desiderio e dietro la richiesta di molti fedeli le spoglie sono traslate nella chiesa del «Corpus Domini».

1953, 19 marzo : erezione canonica da parte dell'Ordinario di Palermo, Card. Ernesto Ruffini, della Congregazione religiosa delle «Orsoline del Cuore di Gesù».

1967, 9 marzo : le Orsoline del Cuore di Gesù si fondano con le Piccole Suore Missionarie della Carità, fondate da san Luigi Orione.

1982, 12 marzo : inizia il Processo canonico diocesano per il riconoscimento delle virtù eroiche di Padre Giovanni Messina.

1991, 21 marzo : si conclude l' Inchiesta diocesana (o Processo informativo ). La causa di beatificazione passa all'esame della competente Congregazione per le Cause dei Santi.

Lascia un commento
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code  Refresh Ricarica immagine

Salva il commento

thumb
Buonanotte del 7 maggio 2021