Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità e per mostrare servizi in linea con le tue preferenze. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per non vedere più questo messaggio clicca sulla X.
Messaggi don Orione
thumb

Nella foto: 6 gennaio 2016: momento conviviale di Famiglia, nel XXV della nomina episcopale di Mons. Andrea Gemma.

Fu Vescovo di Isernia-Venafro, scrittore, predicatore, esorcista.

MONS. ANDREA GEMMA

Apostolo della Parola

 

Andrea Gemma è nato a Napoli il 7 giugno 1931. Conobbe presto l’Opera Don Orione, avendo compiuto le scuole primarie all’Istituto San Filippo Neri di Roma. Qui, prese consistenza la sua vocazione che lo portò ad entrare come aspirante a Velletri, il 6 ottobre 1941, e poi al seminario minore di Patrica (FR).

Fece il noviziato all’Istituto “Santa Maria” di Roma nel 1947, concluso con la Prima Professione l’11 ottobre 1947. Completò il Liceo Classico nell’Istituto Filosofico di Villa Moffa di Bra (CN). Fece il tirocinio a Patrica, dal 1950 al 1953. Dopo un primo anno di Teologia a Tortona continuò nell’Università Lateranense conseguendo la licenza in Sacra Teologia.

Emise la Professione Perpetua a Tortona (AL) il 29 settembre 1954: fu ordinato diacono il 22 dicembre 1956, nella chiesa dei SS. Apostoli a Roma, e sacerdote il 28 aprile 1957, nella chiesa di Santa Maria in Agone a Roma.

Dopo un anno (1957-1958) nell’Istituto Don Orione di Grotte di Castro (VT) come insegnante, nel decennio 1958-1969, fu formatore e professore di Lettere latine e greche nel Liceo di Villa Moffa di Bra (CN).

Nell’agosto 1969, fu trasferito nella comunità di Ognissanti in Roma con ruolo di parroco. Qui rimase fino all’agosto del 1978, quando fu nominato parroco del Santuario Nostra Signora del Suffragio di Avezzano, Diocesi dei Marsi.

Il 13 maggio 1981, durante il Capitolo generale fu eletto vicario generale della Congregazione. Nel Capitolo del 1987, fu eletto consigliere generale ed assunse i ruoli di segretario e procuratore generale.

Il 7 dicembre 1990, fu nominato Vescovo di Isernia – Venafro e consacrato da Giovanni Paolo II, il 6 gennaio 1991; il 2 febbraio successivo, fece il suo ingresso in Diocesi.

Dopo intensa attività pastorale, il 5 agosto 2006, fu accettata la sua rinuncia per raggiunti limiti di età. Rimase ancora in Diocesi per qualche anno, nella parrocchia di Carpinone, per rientrare poi nelle fila della Congregazione, prima nella Casa per anziani di Roma - Trastevere e poi al Centro Don Orione di Roma - Monte Mario. Da Vescovo, mosso dalle parole di Giovanni Paolo II, cominciò a dedicarsi con passione al ministero di esorcista.

Mons. Gemma è stato un apostolo della Parola con le sue parole scritte e dette. Oltre che nel ministero sacerdotale, ha messo a disposizione il suo eloquio preciso, erudito e coinvolgente nelle attività di insegnante, di conferenziere e di predicatore di esercizi. È stato scrittore e pubblicista; ha collaborato con molte riviste cattoliche su svariati temi: omiletica, mariologia, pastorale, agiografia. Appassionato figlio e buon conoscitore di Don Orione, ha pubblicato diversi libri sul Fondatore. Fu direttore della rivista Don Orione oggi.

Quanto scritto fin qui corrisponde ai fatti della biografia, facilmente rilevabili. Ma c’è una geografia dell’anima ben più importante. Io mi limito a segnalare solo due rilievi che emergono dalla pianura della sua quotidianità. Il suo grande amore alla Madonna, innanzitutto. L’anima mariana di mons. Gemma si espresse costantemente in devozione, studio, affidamento filiale, dono alle anime che incontrava. E il secondo rilievo è quello della povertà, del distacco dal denaro e dai beni, della sobrietà di vita. Io vidi la sua stanza di Vescovo a Isernia prima, a Carpinone poi e, infine, per tre anni, a Monte Mario, compagno di comunità: una stanzetta di 3 metri per 4, nel corridoio dei sacerdoti malati, accontentandosi di poco. “Mi serve poco – mi disse – sono qui per prepararmi a incontrare il Signore”.

L’incontro è avvenuto il 2 settembre 2019. Ora il suo corpo mortale è ai piedi della Madonna della Guardia, a Tortona, e la sua anima in Cielo presso il Padre buono e misericordioso.

Lascia un commento
Code Image - Please contact webmaster if you have problems seeing this image code  Refresh Ricarica immagine

Salva il commento

thumb
Buonanotte del 16 novembre 2019